Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fondo antico della biblioteca comunale di Novara

Ricerca inerente il fondo storico conservato a tutto il 1998 presso il Magazzino della Biblioteca Civica "C. Negroni" di Novara

Relazione conclusiva del corso di formazione regionale per “bibliotecari e tecnici di sistemi informativi e documentari” (Torino, Istituto di Formazione CSEA - a.a. 1997/98)

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 . Cenni di storia della biblioteca L'attuale denominazione ufficiale della biblioteca comunale di Novara, "Biblioteche riunite Negroni e Civica" è molto eloquente, e lascia intravedere parte della sua storia. Una storia singolare e interessante, la cui esposizione sommaria precede, nella presente ricerca, la trattazione dei fondi di cui si compone l'imponente raccolta di questa biblioteca che, per quantità di volumi (oltre 250000) e per dimensioni è, dopo Torino la più importante della nostra regione. Innanzitutto osserviamo la denominazione della biblioteca la cui forma ci fornisce alcuni interessanti elementi di riflessione: Biblioteche riunite: il secondo termine ci dice che l'attuale biblioteca si è formata dalla unione e sovrapposizione di due raccolte librarie distinte, ciascuna delle quali con una storia propria e indipendente. Queste due raccolte, anzi queste due biblioteche sono quella della biblioteca Civica di Novara e quella del Cavalier Carlo Negron, giurista, senatore e illuminato novarese vissuto nel secolo XIX. Si tratta come si vede di due biblioteche affatto diverse, innanzitutto dal punto di vista giuridico, ché la prima è pubblica, la seconda privata' . L'ordine con cui le due biblioteche sono nominate nell'espressione ufficiale, che vede al primo posto il nome Negroni e al secondo il termine Civica, non è casuale. Tale precedenza sta ad indicare non una successione cronologica tra le due raccolte dove la Negroni sarebbe la più antica e la Civica la più recente: piuttosto essa si basa sulla volontà testamentaria del Negroni, che nel suo testamento del 1890 lasciò scritto "quando poi il Municipio lo creda conveniente, non solamente non ho difficoltà, ma desidero che sotto la medesima Amministrazione e nel medesimo locale (scil. nell'abitazione privata Negroni) si riunisca alla Biblioteca Negroni la presente Biblioteca Civica". La Biblioteca Civica di Novara, "presente" per il Negroni nel 1890 e quindi, presumiamo, efficiente o almeno funzionante ancora nell'ultima decade del secolo XIX, fu fondata nel 1847. In base a un progetto affidato dall'allora Consiglio

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Peter Genito Contatta »

Composta da 30 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1441 click dal 20/01/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.