Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di obbligazioni strutturate con opzioni su tassi di interesse

Le ultime due decadi hanno mostrato una notevole diffusione di nuovi strumenti finanziari. Tra questi, si sono fatti strada i future, le opzioni, gli swap, e molti altri titoli derivati. Il successo di questi prodotti risiede nella loro capacità di modificare il profilo di rischio/rendimento di un portafoglio finanziario ad un prezzo relativamente basso. La crescita del mercato dei prodotti per la gestione del rischio ha portato alla creazione di nuovi tipi di titoli derivati aventi la caratteristica di avere dei payoff molto differenti da quelli dei prodotti tradizionali. Questo tipo di prodotti prende il nome di opzioni esotiche. La loro importanza è tale che sono stati creati nuovi tipi di contratti obbligazionari che inglobano al loro interno sia un prodotto di debito tradizionale (un’obbligazione) che uno strumento derivato. In questa maniera vengono create le obbligazioni strutturate. Le cosiddette obbligazioni strutturate sono dei titoli che presentano simultaneamente caratteristiche proprie dei titoli obbligazionari e altre che sono proprie delle opzioni finanziarie standard o esotiche. Questi titoli incorporano infatti al loro interno delle vere e proprie “opzioni nascoste”, che possono essere legate all’andamento di titoli azionari, indici, valute, indici azionari, fondi creati ad hoc e gestiti in maniera autonoma ma possono anche essere scritte su tassi di interesse o su titoli obbligazionari con o senza cedola. Il presente lavoro si propone di analizzare la valutazione di obbligazioni strutturate negoziate anche nel mercato obbligazionario italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cap. 1 Introduzione 1 Capitolo 1. Introduzione. Le ultime due decadi hanno mostrato una notevole diffusione di nuovi strumenti finanziari. Tra questi, si sono fatti strada i future, le opzioni, gli swap, e molti altri titoli derivati. Il successo di questi prodotti risiede nella loro capacità di modificare il profilo di rischio/rendimento di un portafoglio finanziario ad un prezzo relativamente basso. La crescita del mercato dei prodotti per la gestione del rischio ha portato alla creazione di nuovi tipi di titoli derivati aventi la caratteristica di avere dei payoff molto differenti da quelli dei prodotti tradizionali. Questo tipo di prodotti prende il nome di opzioni esotiche. La loro importanza è tale che sono stati creati nuovi tipi di contratti obbligazionari che inglobano al loro interno sia un prodotto di debito tradizionale (un’obbligazione) che uno strumento derivato. In questa maniera vengono create le obbligazioni strutturate. Le cosiddette obbligazioni strutturate sono dei titoli che presentano simultaneamente caratteristiche proprie dei titoli obbligazionari e altre che sono proprie delle opzioni finanziarie standard o esotiche. Questi titoli incorporano infatti al loro interno delle vere e proprie “opzioni nascoste”, che possono essere legate all’andamento di titoli azionari, indici, valute, indici azionari, fondi creati ad hoc e gestiti in maniera autonoma ma possono anche essere scritte su tassi di interesse o su titoli obbligazionari con o senza cedola. Il presente lavoro si propone di analizzare la valutazione di obbligazioni strutturate negoziate anche nel mercato obbligazionario italiano. Il nostro interesse verte

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Baradel Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6905 click dal 12/01/2006.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.