Skip to content

Tecniche di controllo robusto per strutture flessibili in presenza di carichi ambientali

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Marazzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Paolo Venini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

Scopo del lavoro è stato di trasferire tecniche di controllo automatico dall'ambito dell'elettronica all'ingegneria civile, in particolare agli edifici multipiano.
Dopo una dettagliata esposizione dello stato dell'arte del controllo attivo sia per quanto riguarda le tecniche di controllo che i dispositivi per realizzarle, si passa a descrivere una nuova tecnica di controllo, nota in letteratura come mu-sintesi, grazie alla quale è possibile includere fin dalla modellazione iniziale le incertezze riguardo ai parametri del sistema o alla dinamica dell'attuatore. Infatti la dinamica del sistema da controllare non è mai nota con certezza, ma i parametri sono solitamente compresi all'interno di un certo range di variazione attorno ad un valore nominale. Sì è quindi utilizzata tale tecnica per realizzare il controllo sia di un telaio monopiano che di un telaio multipiano (3 piani) soggetto ad eccitazione alla base. La validazione di tale approccio è stata ottenuta mediante simulazioni numeriche in presenza di diversi tipi di forzante (impulsi, sinusoidi, accelerogrammi di sismi registrati) e confrontando le risposte nel tempo ottenute da tale controllore con quelle date da un controllore più classico quale l'LQR.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1IntroduzioneFin dai tempi antichi i progettisti di opere di ingegneria civile erano ritenuti respon-sabili di eventuali crolli subiti dalle costruzioni: nel codice di Hammurabi,1 sovranomesopotamico del XVIII secolo a.C., il costruttore era punibile addirittura con lamorte in caso di crollo dell'edi cio. Naturalmente il crollo dovevaavvenire a causa dicarichi ordinari, per esempio nel caso in cui si trovassero molte persone nella stessastanza. Al contrario i crolli dovuti a carichi eccezionali quali terremoti e uraganinon venivano neppure presi in considerazione, dal momento che si dava per scontatoche il progettista nulla potesse contro tali eventi "soprannaturali" mandati dagli deiper capriccio o per punire gli uomini.Col passare dei secoli, sebbene svanisse via via la convinzione che tali eventi estremifossero dovuti a un intervento divino, al progettista rimaneva tacitamente concessodi non occuparsene: sia la legge che l'uomo comune non avrebbero mai ritenutocolpevole colui che avesse realizzato una costruzione senza tenere in conto un caricoeccezionale quale il terremoto che non si sa ne quando arriva e neppure con qualeintensita.Ma in tempi piu recenti la costruzione di grandi metropoli con conseguenti adden-samenti di popolazione e la realizzazione di edi ci sempre piu arditi ha portato adun cambiamento di mentalita: non e possibile permettere che una struttura di centopiani con migliaia di persone che vivono e lavorano al suo interno possa, anche incondizioni estreme, crollare rovinosamente.1Il codice di Hammurabi, dal nome del sovrano babilonese che provvide a realizzarlo, e unaraccolta di leggi incisa in 51 colonne su una stele di diorite scoperta all'inizio del nostro secolo eoggi conservata al museo del Louvre. Consta di un prologo e di un epilogo celebrativi del sovranoe di 282 articoli riguardanti vari aspetti del diritto civile, penale e commerciale.19

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controllo automatico
incertezze
matlab
rigidezza
strutture
vibrazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi