Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Migrazione e qualità dell'esperienza: uno studio con Experience Sampling Method

La tesi si riferisce allo studio della qualità dell'esperienza migratoria di un campione di donne migranti provenienti dall'Est Europa. Il campionamento dell'esperienza quotidiana effettuato con Experience Sampling Method (ESM) ha permesso di indagare attraverso una metodologia di raccolta dati on-line la qualità di vita durante il processo di acculturazione. Oltre ad ESM lo studio ha adottato il Flow Questionnaire e il Life Theme Questionnaire al fine di approfondire altri aspetti della vita personale delle partecipanti. In sostanza lo studio ha voluto studiare secondo una prospettiva soggettiva il processo di acculturazione così come vissuto e percepito da donne migranti. Si tratta del primo studio effettuato con tali strumenti e tale metodologia potrà aprire la strada a metodologie più efficaci per favorire i processi di integrazione dei migranti. I risultati hanno messo in luce quanto la vita personale e la percezione soggettiva siano aspetti sostanziali per valutare la qualità del processo di integrazione indipendentemente dalla cultura di origine.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I PPRESUPPOSTI TEORICI 1.1 Il paradigma bio-culturale e il doppio sistema ereditario La relazione tra individuo, cultura e ambiente ha sempre interessato il mondo delle scienze umane e la discussione teorica intorno a tale argomento è sempre stata caratterizzata da un acceso dibattito. La questione centrale si sintetizza sostanzialmente nel trovare risposta alla seguente domanda: il comportamento umano è determinato dalla sua eredità genetica o piuttosto dall’interazione quotidiana con i fattori socio-ambientali? I genetisti, forti delle ultime importanti scoperte a seguito della mappatura del genoma umano, ipotizzano che il comportamento sia principalmente influenzato da componenti biologiche; gli studiosi che assumono una posizione ecologista ipotizzano che sia invece l’interazione con l’ambiente sociale e culturale a plasmare il comportamento; altri studiosi integrano le due posizioni sostenendo che in realtà esiste una relazione di complementarietà tra fattori biologici, socio- ambientali e culturali. L’influenza dell’eredità biologica sul comportamento umano è stata evidenziata da numerosi studi nell’ambito della sociobiologia e della psicologia evoluzionistica (Wilson, 1976; Symons, 1990). In questa prospettiva, le variazioni nelle popolazioni e nelle rispettive organizzazioni sociali sono spiegate esclusivamente in termini di adattamento ad ambienti naturali diversi (Foley, 1992; Kaplan e Hill, 1992).

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Scienze Precliniche LITA Vialba

Autore: Andrea Fianco Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1744 click dal 17/01/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.