Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti strategici e innovazioni nel franchising

Questo lavoro si pone l’obiettivo di presentare il franchising secondo una prospettiva economico aziendale e di individuare le principali innovazioni che lo stanno interessando. A partire da un esame del profilo strategico ed operativo, fino ad arrivare allo studio approfondito di un caso aziendale (caso Metauro Mare S.p.A.), l’indagine mostra, dapprima, il franchising come alternativa strategica per la crescita e lo sviluppo delle aziende; poi, esamina le sue politiche operative e le innovazioni apportate alla gestione strategica dei punti vendita, mediante l’applicazione della politica di concept store; infine, attraverso lo studio del caso, rileva un innovativo modello di multifranchising modulare.

Il franchising, secondo la visione assunta da questa ricerca, è una potente strategia di collaborazione interorganizzativa non equity, che integra i vantaggi della grande organizzazione (efficienza, stabilità, affidabilità e controllo) con quelli dei piccoli sistemi (flessibilità, innovazione, creatività e apprendimento). Inoltre, rappresenta una filosofia di business, un sistema cibernetico a rete e una comunità di imprese, al cui interno si generano meccanismi di feedback positivi che accrescono le risorse degli organismi aziendali che lo abitano.
Dopo aver delineato gli aspetti strategici e i cambiamenti in atto nel franchising, il volume propone un modello normativo utile per analizzare e pianificare il processo di sviluppo del sistema franchising. In quest’ottica, sono esaminate le diverse politiche operative di franchising, gli obiettivi strategici che possono essere perseguiti, nonché le decisioni di marketing funzionali al consolidamento dell’immagine di marca e di una forte identità di gruppo. Tra le politiche operative di franchising, si esaminano quelle di architettura della rete, di lancio dei punti pilota, di prezzo del franchising package, di reclutamento, selezione, assistenza e formazione dei franchisees, di gestione strategica dei punti vendita e di definizione del contratto, sulla base della nuova legge n. 129/2004, che regola, per la prima volta, l’affiliazione in Italia.

Questa tesi è vincitrice del premio "Miglior Tesi di Laurea in tema di Franchising 2006"
denominata Quarta Borsa di Studio Pierfranco Devasini, per la presentazione e discussione di Tesi di Laurea del biennio 2004 e 2005, in tema di franchising

Commissione giudicatrice: nominata dalla Federazione Italiana Franchising (FIF)
Data della premiazione: 8 aprile 2006
Luogo: IV Roma Expo Franchising, presso la Fiera di Roma (Italia)
Verdetto: Vincitore Miglior Tesi di Laurea 2006

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La competizione su scala globale e i rapidi progressi nella tecnologia, nella comunicazione e nei trasporti, hanno creato incredibili opportunità per le aziende, ma hanno anche aumentato gli investimenti necessari a fare business e hanno reso sempre più difficile per qualunque azienda trarre vantaggio da tali opportunità in modo autonomo. In questa nuova economia, ad emergere sono le forme di organizzazione a rete, tra le quali una posizione di rilievo è assunta dal franchising, sia per il crescente successo che incontra in tutti i mercati, sia per i vantaggi che esso comporta. Per il tramite del franchising, convergerebbero da un lato le grandi imprese e dall’altro le piccole imprese, che, per sopravvivere e svilupparsi in mercati sempre più competitivi, debbono sempre più spesso costruire rapporti di alleanza, accordi e strutture di servizi comuni. Il franchising diviene, allora, una potente strategia di collaborazione interorganizzativa non equity, che integra i vantaggi della grande organizzazione (efficienza, stabilità, affidabilità e controllo) con quelli dei piccoli sistemi (flessibilità, innovazione, creatività e apprendimento). In esso sono compresenti due comportamenti strategici complementari che consentono di attivare uno sviluppo dell’impresa lungo due linee tendenziali per produrre situazioni di integrazione altamente sinergiche: una porta ad approfondire il sapere tecnologico accumulato per trarne effetti innovativi e vantaggi competitivi; un’altra porta ad allargare, attraverso lo sviluppo delle capacità di relazione con i soggetti esterni, il campo di attività e di esperienza dell’impresa. Questo lavoro si pone l’obiettivo di presentare il franchising secondo una prospettiva economico aziendale e di individuare le principali innovazioni che lo stanno interessando. A partire da un esame del profilo strategico ed operativo, fino ad arrivare allo studio approfondito di un caso concreto, la nostra indagine mostra, dapprima, il franchising come alternativa strategica per la crescita e lo sviluppo delle aziende, poi, lo esamina dal punto di vista delle sue politiche operative e delle innovazioni apportate alla gestione strategica dei punti vendita (concept store) e, infine, attraverso lo studio del caso, evidenzia le nuove forme con cui esso può manifestarsi (in particolare, il multifranchising). Più specificamente, il primo capitolo introduce la nozione economico aziendale e gli aspetti strategici del franchising. Si assume che il franchising, ancor prima di essere una formula commerciale o un canale distributivo, sia una scelta strategica, una filosofia di business e un sistema cibernetico a rete di imprese indipendenti, il cui obiettivo è quello di fare emergere le risorse critiche degli organismi aziendali che vi partecipano. Il capitolo prende in esame il processo di pianificazione e realizzazione di tale sistema, che si è definito franchising management e mostra i livelli imprenditoriali che lo compongono e i clienti del franchisor, cioè franchisee e consumatori, i loro bisogni e la necessità di soddisfarli, ai fini dello sviluppo della rete. Si evidenzia come siano i valori etici a guidare le decisioni e i comportamenti del franchisor, a motivo della responsabilità sociale di cui egli si carica nei confronti dei propri affiliati. Si conclude, trattando degli obiettivi strategici che possono essere raggiunti e della relazione con l’ambiente, al fine di stabilire in quali contesti il franchising appaia più coerente. Il secondo capitolo esamina la strategia di franchising secondo un’ottica riferita agli aspetti operativi. Inizialmente, si riprende la definizione di franchising management e, dopo averne preliminarmente analizzato gli aspetti che qualificano

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Rizzuto Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13739 click dal 24/01/2006.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.