Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema d'animazione nell'Africa francofona: il caso di Mohamadou N'Doyé

Quando si pronuncia la parola Africa vengono subito alla mente immagini di guerre civili, diritti violati, di debito pubblico, di carestia. Fortunatamente l'Africa non è solo questo. Esiste un'altra Africa che vuole parlare di sè, delle sue ricchezze, della sua arte, della musica e del cinema, il fenomeno artistico più giovane.
Ho conosciuto Mohamadou a Dakar, durante un viaggio in Senegal, dove ho potuto scoprire il mondo dell'animazione e del cinema. I mezzi sono quelli che sono ma è proprio dalla mancanza di infrastrutture che la mente si ingenia...i personaggi nascono dalla spazzatura, da piccoli pezzetti di carta, da mozziconi di sigarette e lattine arruginite.
In un continente dove è difficile denunciare il malessere sociale e politico, il cinema diventa un mezzo immediato per colpire, trasmettere e raccontare.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE. L’altra Africa. Quando si pronuncia la parola Africa vengono subito alla mente immagini di guerre civili, di diritti violati, di debito pubblico, di carestia, siccità e malattie. Devastazioni come l’Aids, il genocidio del Darfur o la siccità del Niger sono all’ordine del giorno delle organizzazioni umanitarie di tutto il mondo. Un continente sottomesso alle colonie europee per almeno quattro secoli, derubato delle sue materie prime, corrotto e governato da dittatori o generali vestiti con gli abiti di presidenti democratici che, se non in rari casi, non aiutano la lenta rimonta alla normalità. Presidenti generalmente nominati da multinazionali europee, americane o asiatiche. La mancanza di istruzione, la precarietà sanitaria, le dinamiche poco chiare dei rapporti internazionali, un’economia bloccata da dazi e interessi occidentali e la spartizione dei territori disegnata col righello tengono il continente in una sorte di sottomissione e dipendenza nei confronti del bianco occidentale. Si chiama neocolonialismo. Questa definizione indica con triste lucidità qualcosa che prima comprendeva la tratta degli schiavi e il spartizione dei territori, ora è ribattezzato sfruttamento delle risorse (legno, diamanti, materie prime, petrolio) e controllo sulla popolazione. “Africa, Africa mia, sei dunque tu questa schiena che si curva e si piega sotto il peso dell’aids? No, no, pozzanghera di sangue nelle vostre mani, pozzanghera di sangue nei vostri cuori…no! Africa, Africa mia, il mio sguardo è pieno del tuo sangue. Il tuo bel sangue nero Per i campi sparso”. 1 Versi 12-24, tratti da Riflessioni sul colonialismo, di David Diop. Il processo verso la stabilità si presenta lungo: molti stati sono indipendenti da poco più di quarant’anni, altri sopravvivono unicamente grazie agli aiuti umanitari internazionali, il colonialismo non ha permesso la scolarizzazione e non ha lasciato infrastrutture. Un esempio è la Guinea: ancora oggi la popolazione ricorda con rabbia quando i francesi lasciarono il paese distruggendo tutte le fabbriche di tessuti e banane. Viaggiando in quel paese si possono vedere ancora oggi i resti diroccati delle 1 www.kirjasto.sci.fi

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sarah Orlandi Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1183 click dal 27/04/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.