Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consenso informato alla sperimentazione farmaceutica in Italia e Nord America: una prima comparazione

La tesi si propone di esaminare le caratteristiche tecniche, deontologiche e soprattutto giuridiche,del consenso informato,e le problematiche che da esso derivano,analizzandolo nelle sue diverse applicazioni all'atto medico e alla sperimentazione farmaceutica, e facendo poi riferimento a quelli che sono i diversi approcci a questa tematica da parte degli ordinamenti giuridici di Common Law e Civil Law,indirizzando a tal fine l'analisi verso l'ordinamento giuridico italiano, quello del Regno Unito e, al di là dell'Atlantico, del Canada e degli Stati Uniti D'America.L'analisi parte da quella che è stata la legislazione originaria, accompagna l'istituto del consenso informato nella sua evoluzione, fino poi ad esaminare gli ultimi orientamenti dottrinali e giurisprudenziali in materia, in un confronto sempre costante con la deontologia medica, il rispetto dei diritti del soggetto, e l'avanguardia della scienza e della tecnica.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La sperimentazione sull’uomo di nuovi medicamenti, che rappresenta un aspetto importantissimo e necessario della ricerca farmaceutica, è oggi un argomento suggestivo e insidioso per il giurista: suggestivo per la ricchezza di implicazioni che esso presenta, che variano dalla problematica della tutela dei diritti della persona a quella del consenso del paziente, ai profili di responsabilità civile che vengono a delinearsi. Né può sfuggire l’importanza degli aspetti pubblicistici legati al tema, siano essi di carattere penale, oppure di natura amministrativa (come quelli che attengono al regime autorizzativo a cui è soggetta l’attività di sperimentazione). Infine, non vanno dimenticati i problemi di carattere contrattuale dipendenti dal rapporto tra azienda che commissiona la sperimentazione e chi la esegue. La vastità della materia costituisce, però, anche un’insidia dalla quale il giurista deve guardarsi, per evitare di sconfinare nella trattazione di problemi etici e di aspetti più strettamente medico-legali, o di impantanarsi nella enunciazione di principi nuovi, astratti e generalissimi, non ancora concretatisi in norme di diritto vigente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Baldocchi Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3687 click dal 07/02/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.