Skip to content

La gestione dei rischi di progetto nell'impresa virtuale. Il caso Selex Sistemi Integrati

Informazioni tesi

  Autore: Mario Di Caro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Corrado Lo Storto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

Nell’attuale contesto socio-economico globalizzato diventa sempre più fondamentale per le imprese poter attuare dei processi gestionali che consentano di rispondere alla mutevolezza ed incertezza degli scenari e che mirino a garantire l’esistenza, la competitività, il successo delle imprese stesse. Mai come oggi è percepibile un’esigenza di maggiore consapevolezza circa i rischi che incombono sulle varie attività umane, nonché di una loro efficace gestione e pertanto va progressivamente affermandosi una vera e propria “cultura del rischio” basata, a sua volta, su una metodologia sistematica e formalizzata capace di individuare il contesto, valutare - qui da intendersi come traduzione di assess ovvero l'insieme delle fasi di: analisi e ponderazione - trattare, monitorare e comunicare i rischi, nota appunto come “Gestione del Rischio” (Risk Management).
L’affermazione ed il consolidamento della teoria e delle pratiche del project management ha generato una nuova dimensione del comportamento organizzativo – il lavorare per progetti – che, pur essendo già oggi molto presente nelle organizzazioni, si sta sempre più diffondendo in ragione di alcune rilevanti trasformazioni che si sono prodotte nella natura delle organizzazioni stesse. È importante allora essere preparati a giocare un ruolo proattivo, facendo si che se un progetto può essere considerato come una scommessa sul futuro, questa sia la migliore che si potesse fare, e il suo perseguimento il motore di tutte le attività. E’ insito, infatti, nel concetto di progetto la sua proiezione verso il futuro che, per definizione, è incerto. In considerazione di ciò, il Risk Management ha assunto sempre maggiore importanza nell’ambito della gestione “con successo” dei progetti, divenendo una delle attività più qualificanti del lavorare per progetti.
Negli ultimi anni, per ragioni riconducibili alla globalizzazione del business e allo sviluppo dell’ICT, si è assistito ad un evoluzione del sistema stesso di creazione del valore nel quale differenti attori economici, con competenze complementari, cooperano per il raggiungimento di un obiettivo comune identificabile in un progetto. La riunione di diverse competenze complementari intorno ad un progetto, se da un lato è il presupposto fondamentale per vincere le sfide che il mercato pone, dall’altro comporta, per ciascun partecipante, un cambio di prospettiva radicale: dal considerare la propria attività in modo indipendente da quanto gli succede intorno, a prendere coscienza e consapevolezza di essere parte di un’entità più grande, all’interno della quale acquisisce il ruolo di centralità l’insieme delle relazioni e delle interazioni tra le parti. Ciò ha indotto le aziende ad un ripensamento radicale del loro ecosistema, che si configura come un’ impresa virtuale, il cui ambiente fisico non è più delimitato dalle mura di cinta della fabbrica, ma assume un’astensione molto più ampia, divenendo territorio e dove, in un crescente numero di situazioni, più che ideare, creare, produrre diventa essenziale plasmare, adattare, contestualizzare, integrare, coordinare, gestire.
La nuova struttura del business che si va delineando, di cui i progetti ne rappresentano l’incubatore ideale, pone l’esigenza di strumenti di supporto ai processi collaborativi, in grado di comprendere ed integrare gli apporti provenienti da molteplici attori, capaci di unire, gestire, armonizzare persone con specializzazioni, ruoli, cultura diverse per il raggiungimento di un obiettivo comune.
Preso atto di tali necessità, questa tesi si propone di rispondere al sentito bisogno di sviluppare e formalizzare una procedura per la gestione dei rischi di progetto nell’impresa virtuale.
In particolare, la sfida che ci si è posti, è stata quella di definire una gestione dei rischi legata alle diverse fasi del ciclo di vita del progetto distribuito e che fosse parte integrante dell’intero processo di gestione dei progetti. La tesi si avvale di un case study sviluppato nell’ambito di uno stage presso l’azienda Selex Sistemi Integrati (ex Alenia Marconi System) di Roma. In particolare, la procedura sviluppata è stata applicata ad un programma internazionale nell’ambito della difesa che vede la partecipazione di aziende europee e statunitensi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LA GESTIONE DEI RISCHI DI PROGETTO NELL’IMPRESA VIRTUALE. IL CASO SELEX SISTEMI INTEGRATI DI CARO MARIO V Introduzione Nell’attuale contesto socio-economico globalizzato diventa sempre più fondamentale per le imprese poter attuare dei processi gestionali che consentano di rispondere alla mutevolezza ed incertezza degli scenari e che mirino a garantire l’esistenza, la competitività, il successo delle imprese stesse. L’insieme delle tecniche e delle metodologie finalizzate a quella che si potrebbe definire la “gestione dei processi d’impresa” è senza dubbio assai complesso ed articolato, data anche la spiccata trasversalità che spesso compete ai domini di conoscenza coinvolti. Ad ogni modo, mai come oggi, è percepibile un’esigenza di maggiore consapevolezza circa i rischi che incombono sulle varie attività umane, nonché di una loro efficace gestione e pertanto va progressivamente affermandosi una vera e propria “cultura del rischio” basata, a sua volta, su una metodologia sistematica e formalizzata capace di individuare il contesto, valutare - qui da intendersi come traduzione di assess ovvero l'insieme delle fasi di: analisi e ponderazione - trattare, monitorare e comunicare i rischi, nota appunto come “Gestione del Rischio” (Risk Management). Creare una cultura di Risk Management diffusa significa acquisire una maggiore consapevolezza di tutti i fattori di rischio che possono compromettere il raggiungimento degli obiettivi di business e porre l'accento sullo sviluppo di adeguati controlli, tecniche di gestione e comportamenti organizzativi volti a mitigarne l'esposizione. Se l’utilizzo della RM trova un fertile campo nelle problematiche aziendali “classiche” (introduzione di nuovi prodotti, ingresso in nuovi mercati, merger & acquisition, investimenti mobiliari), ancor più risulta utile, se non indispensabile, nell’ambito del Project Management. L’affermazione ed il consolidamento della teoria e delle pratiche del project management ha generato una nuova dimensione del comportamento organizzativo – il lavorare per progetti – che, pur essendo già oggi molto presente nelle organizzazioni, si sta sempre più diffondendo in ragione di alcune rilevanti trasformazioni che si sono prodotte nella natura delle organizzazioni stesse, nonché nel loro rapporto strutturale – si potrebbe dire di natura “coevolutiva”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impresa olonica
impresa virtuale
life cycle management
project management
risk analysis
risk management
selex sistemi integrati
virtual enterprise

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi