Skip to content

“De exorcizandis obsessis a demonio”: riflessioni antropologiche su teorie e metodi nel trattamento dei posseduti nella Chiesa Cattolica

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Rizzardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Franca Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

La tesi ha per oggetto il fenomeno della possessione diabolica, così come viene concepita e rielaborata dal rituale cattolico dell'esorcismo. Il taglio antropologico del lavoro mette in relazione i presupposti, le procedure e gli obiettivi dell'esorcismo con i riti di possessione praticati in aree extra-europee (soprattutto Africa, aree caraibiche e Brasile). La varietà delle funzioni e degli aspetti contenuti nei riti di possessione (teatrale, sociale, terapeutico, ecc.) si ritrovano, più o meno attenuati, nell'esorcismo cattolico. Testi di esorcisti e di laici direttamente impegnati, interviste a medici e resoconti di sedute esorcistiche delineano nel particolare la fisionomia e la struttura del rito. Si tratta di una messa in scena "terribilmente seria", un vero e proprio dramma mitico-rituale istituito dai due attori, l'esorcista e il posseduto, e strutturato secondo una serie di fasi predefinite: il sacerdote induce la crisi nel paziente e la controlla, secondo i modelli sanciti dalla teologia; il posseduto assumerà il ruolo "diabolico" che il sacerdote si aspetta, i cui caratteri e comportamenti sono anch'essi fissati dalla tradizione cattolica. Infine, l'esorcista dispiega atti, preghiere e gesti simbolici per permettere al paziente di riappropriarsi del sé, distaccandosi dal ruolo, e quindi, di liberarsi. Tuttavia, la guarigione richiede, spesso, cicli di più sedute ed è, in ogni caso, condizionata a un cambiamento generale dello stile di vita: un rinnovamento fondato sui valori cristiani e sulla partecipazione a gruppi di preghiera, il cui fine è preservare l'anima da possibili futuri attacchi del Male. In realtà, è proprio la fase finale del rito esorcistico a porlo in antitesi con i rituali di possessione studiati dagli antropologi. Laddove il primo ammette la sola possessione malefica, i riti africani, afroamericani o caraibici prevedono l'invasamento da parte di entità di varia natura, quasi sempre da ingraziare o addomesticare, per trarre da essi un potere e dei benefici altrimenti impensabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PRESENTAZIONE Gli studi antropologici sulla possessione hanno offerto un’interpretazione del fenomeno che ne chiarisce anzitutto la sua realtà di istituto culturale, comprensibile cioè nella misura in cui mantiene la relazione con il contesto che gli appartiene e all’interno del quale si esplica: un sistema di credenze e di rituali socialmente condivisi. La possessione può essere considerata come un modo culturale, fra gli altri, di intendere le relazioni tra individuo, società e mondo soprannaturale. Si presenta come «un’occupazione dello spirito o della presenza vitale individuale da parte di entità estranee, variamente concepite come potenze impersonali o personali (dèi, demoni, spiriti di defunti, spiriti naturali, spiriti di animali, ecc.)» (Di Nola, 1987 p.288). La condizione del posseduto culmina in episodi trance, uno stato psichico alterato comune a molte manifestazioni straordinarie dell’esperienza, religiosa o meno che sia; tali stati vengono indotti, appresi e controllati culturalmente. Se si trascurano il magnetismo del settecento e l’ipnotismo del secolo successivo, oscurati da una psichiatria in travolgente ascesa 1 , l’interesse scientifico nei confronti della trance e degli stati di alterazione riceve un impulso fondamentale a partire dalla seconda metà del XX secolo, maturando nel contesto della controcultura americana e del cosiddetto “movimento psichedelico”. Nel 1960 prendono infatti il via i primi esperimenti in laboratorio sugli Stati Modificati di Coscienza (S.M.C.), condotti da una nuova generazione di psicologi e di antropologi che sperimentano su sé stessi le droghe psicotrope, gli effetti delle tecniche ipnotiche e della meditazione 2 . Si inaugura così lo studio scientifico della 1 Il magnetismo e l’ipnotismo raccolgono un’eredità filosofica e scientifica risalente all’antichità classica, coltivata e diffusa nelle forme religiose popolari e riscoperta, sistemata e tramandata dal Rinascimento. Con l’età moderna questa tradizione sopravvive al razionalismo illuministico nelle teorie magnetiche e nell’occultismo in genere, che ne veicolano in ambito colto le premesse e i guadagni in campo sperimentale. Ritagliandosi uno spazio nel positivismo ottocentesco, la tradizione magnetica si pone come conoscenza rinnovata sulla natura umana, ma i successi delle ricerche psichiatriche ed il potere della nascente classe medica ridimensionano il fenomeno, facendone propri alcuni presupposti e depurandone gli elementi più eversivi in vista di un ordine e di un controllo sociale. Il primo obiettivo da colpire è la relazione tra il magnetizzatore, carismatica figura di uomo di scienza, e il paziente, quasi sempre di sesso femminile: rapporto che difficilmente si sottrae a certe tentazioni affettive o amorose, vissuto nell’intimità del gabinetto medico ed esposto ad oscuri e sensuali sottintesi. Le tecniche di induzione ipnotica poi, vengono reinterpretate ed utilizzate a scopo terapeutico dalle scienze psichiatriche, secondo il modello dell’alienismo francese e sulla scorta delle recenti teorie sull’isteria. Il tutto si inquadra in un più vasto processo di “medicalizzazione” dei fenomeni psichici, medianici ed occulti, intrapreso dalla cultura scientifica fra i secoli XIX e XX (C.Gallini, 1983). Il merito del magnetismo e dell’ipnotismo è stato quello di sottrarre alla sfera religiosa molte realtà dell’esperienza umana, recuperando un discorso laico e scientifico nei confronti di fenomeni considerati sovrannaturali o diabolici. Soprattutto, però, hanno dato voce ai desideri e alle realtà inespresse del mondo femminile, utilizzando per la prima volta un approccio moderno al corpo e alla mente che era fondato su una rilettura "decolpevolizzante" del disagio e dei bisogni soggettivi. Il rapporto con il medico-tutore offre loro la possibilità di essere espressi, prima che vengano nuovamente posti sotto l’autorità delle istituzioni. 2 Gli studi moderni sulle modificazioni di coscienza risalgono, in realtà, alle ricerche sull’hashish di Moreau de Tours (1845) e al primo tentativo di sintesi sugli stati di alterazione di A.Maury (1860), ma si tratta di casi marginali, insufficienti a richiamare anche solo l’attenzione della scienza ufficiale (Lapassade, 1996 p.21).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diabolico
diavolo
esorcismo
invasamento
possessione diabolica
riti di possessione
trance

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi