Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'importanza di chiamarsi Georgia: il futuro del Caucaso tra Russia e Stati Uniti

La tesi analizza la centralità geopolitica della regione caucasica negli equilibri geostrategici tra Stati Uniti e Russia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Cartina 1: mappa geopolitica della regione Fonte: www.elbrus-top.com Caucasia, il contesto geo-politico Si definisce Caucaso, in maniera imprecisa, l’istmo che unisce Europa ed Asia: in realtà lo si dovrebbe chiamare Caucasia (e così faremo d’ora in poi) visto che è più appropriato riferire il nome “Caucaso” alla catena montuosa che attraversa il territorio in questione in senso diagonale e che separa la Ciscaucasia (a nord) dalla Transcaucasia (a sud); Ciscaucasia, Caucaso e Transcaucasia sono infatti le tre regioni che vanno a costituire la Caucasia. Si tratta di un territorio delimitato, in tutte le direzioni, da confini naturali: a nord sono rappresentati dal corso dei fiumi Manyc e Kuma e a sud dal margine dell’acrocoro armeno, mentre il mar Nero e il Caspio costituiscono rispettivamente i limes occidentale ed orientale. Più che i confini, però, della Caucasia è fondamentale sottolineare la collocazione: dicendo che essa costituisce l’istmo di unione tra Europa ed Asia possiamo rendere l’idea della sua importanza. Innanzi tutto dal punto di vista strategico: grazie alla sua posizione, essa costituisce una regione fondamentale, in quanto chi la possiede in toto la può interdire a qualunque passaggio.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alberto Strazzer Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1675 click dal 07/02/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.