Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione e verifica sperimentale di un controllore neurale per un rover autonomo da esplorazione planetaria

In questo documento verrà trattata la progettazione e la realizzazione della parte riflessiva di un sistema di controllo per un rover da esplorazione spaziale tramite l'utilizzo di un controllore neurale.

Un sistema di questo tipo costituisce l'ultimo anello della catena di controllo ed è essenziale, oltre che per interfacciarsi con sensori e attuatori, anche per gestire gli imprevisti che possono capitare durante le operazioni del robot. In questo modo viene alleggerito il carico di lavoro dei livelli superiori che possono concentrarsi sulla pianificazione delle azioni necessarie al raggiungimento degli obbiettivi di missione.

Nella prima parte del lavoro verranno prese in considerazione le architetture di reti neurali comunemente impiegate e verranno descritti i metodi di addestramento classici.

Verranno poi analizzati i modelli matematici del sistema utilizzati nella fase di apprendimento. Questi modelli sono essenziali per l'addestramento della rete che così può essere svolto anche se il prototipo del robot non è disponibile.

I risultati ottenuti in queste prime fasi di apprendimento non si riveleranno soddisfacenti e questo porterà alla realizzazione di una rete artificiale ricorrente dedicata allo scopo. Questa nuova architettura sarà basata su una rete ricorrente di Elman a cui sono state aggiunte ulteriori connessioni. In questo modo sarà possibile rendere più efficiente la rete di controllo.

Nella seconda parte di questo documento verrà poi mostrato il progetto e la realizzazione dell'elettronica di bordo del rover che ha il compito di interfacciare il controllore vero e proprio con i sensori e gli attuatori di bordo.

Infine verranno illustrati i risultati delle prove effettuate al fine di dimostrare il corretto funzionamento di quanto realizzato, dapprima in forma di simulazione numerica, poi dal punto di vista sperimentale. Per quest'ultima fase è stato utilizzato il prototipo del rover presente nel laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano.

Mostra/Nascondi contenuto.
         8    c G!6'G…fl…†/?+Y!1/u4<'W7414<'24<!1'G!1ffi†fl 2 F 01'2C.01/41%(/ G  '2+S!6/?01/4<41/sCff/0{  /4<C( 2ffi7067E?'2ffi+(/uffi  !601/s' fiffi+ %D+('r!1/010</45!601' hftuffiCffffiC('06N%.' !60</+S!& 7+(+.'*%D Y3D7+(%.ffi93.+ /?414</01/W3(…†7+(ffi'flD …†/?4141ffi9C('G/%(/sCff/0B  3( "!6'G… ffi "!$&413 413.ffi 2ffi/z!106fl!1/0<01/45!60</ 4<'s'2+('GE'2fl!6ffi&fi?ffi+(4<'2%(/  0670</ FACffffi414<'0 ('G 2'G!6#%(';'2+  'F70</ …9'24<41'2ffi7+('p%('o/41C. 2ffi017E'Gffi+(/ 413`3(+`7 G!101ffi9C('F7+./?!$9%(/ +(ffi4<!101ffi941'G4<!6/?…4<ffi F70</7dwvMfl0<!6/flh e~01'G…sCff/0(- %(' '2+  'Ffl01/{…†'G414<'2ffi+('.fiffi+†3(…fl+('ff5 ffffi01%(ffi3c+(/fi?/4141701'Gffi74<41'2fi?3(06fl0141' 3(+D†Cff/05g /?!<!$Afiffi+(ffi741fi/?+(E=9%(/ ;C('27+(/ !$A%('p%(/45!6'G+D7E'Gffi+(/flh *y3(/?4<!6ffi# Cffffi4<41'0 .'2 2/u41ffi Gffi !606fl…†'"!6/W7fi?fi3(01fl!6/ /4<C( 2ffi017E'Gffi+('p/2>r/ !1!63(fl!6/W!6017…†'"!6/s0<ffi! ffifl!ufl3.!6ffi…†fl!1'2EEfl!6' hf), o Gffi01ffi 41fiffi7C ffiZ41706#9!601ffifl70</ F9Effi+(†/& G/ 0<'241ffi70141/ 7%Dfl!<!6/ 7 2   ffffiff     fl4 / 7 4<ffi4<!1/+S!$  …†/?+Y!1ffiA%(/ G F g 3.!13(06&…9'24<41'Gffi+(/u3.…7+(7 %D+./s%('*…9'2+('G…†'GEE=fl01/{'*01'G41fiffifl(' fiffifl(/ Y3(/45!$ %(ffiz01#94<ffi4<!1/+(/?01/ /s-S706fl+Y!1'20<+(/sfiffi4, '2 *4<3(fifi?/4<41ffi(h ),+(ffi7 G!60</f'z0<ffi! ffifl! 73z!6ffi+(ffi7…†'SCff/0o  /4<C( 2ffi017E'Gffi+(/~!60<ffi7fl+(ffiuffi0<…fl' 'G…†C.'2/-7ffiB'2+ …9ffi "!6' 7 G!101'(fi7…†C.'(!606sfi?3('D 2ffiW41…9'2+(7…†/?+S!6ffiffS  /?41C( Gffi067E?'2ffi+./l%(' 3( 2fi7+('ffS%('(g ffi+(%Dfl 2'(…†701'G+(' / %.';7 G!101'*fl… ('2/?+S!6'p7 "!60<'2…9/+S!6' C /?01'2fi?ffi 2ffi741'rCff/0{3(+ /4<C( 2ffi706fl!1ffi01/s3(…†7+(ffi.h k~414<'p41ffi+.ffi# Y3('G+(%('p41ffi7--/?!<!6'*%.'p4<!63.%(' ffi "!6'p0</+(%(/?01 G'p41/…9C(0</ C.'06N/79fi?'2/+S!1'o/?% '2+(%('GC /?+(%(/?+Y!1'}h j '24<ffi-+DB'G+.g fl!1!1'01'Gfiffi0<%D70</~fiffifl(/ +.ffi+5w41/?…†C.01/fC ffi74141'$ ('2 G/~fiffi… 3(+('2fi701/ '2+ !6/?…†Cffffi>01/=fl 2/Afiffi+ '2 01ffi! ffffi7!&ffpfi?ffi46>CD705!6'Gfiffi 2701…9/+S!6/5/01T+(/? ~fi=74<ffiT%.'~3(+ +& '2+  'Ffl!1ffiM4133.+^7 G!101ffiMC.'F7+(/ !$.hMjl745!$MCff/+(41701/fiffifl(/fifffCff/0 017--'G3(+(-/?01/9'2 wC('Ffl+(/?!6 01ffi4<41ffiff 3(+4</-+(7 2/>C(0<ffi 7/+('G/+S!6/ %D| /?0101 'G…†C('G/-S ff~+(/ B…9'2- G'2ffi0</†%./'{fi=74<'ff4 /?+ ffi7!1!1ffi …9'2+Y3.!1'}h j /?+ICff/--7'2ffi0</  FZ4<'G!63(7E'Gffi+(/&'G+ fi3('~  /?41C( Gffi06fl!1ffi01/ %(/ = D 'G+ z'2701/ %Dfl!6'w7 ffi?/+S!60<ffi`%('ffiffi+S!101ffi G 2ffi>%(/ G FN…9'2414<'2ffi+./9/†fl!<!6/+.%(/0</'ffiffi…†7+(%.'w+./fi/?4141701' 

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Pierluigi Cazzadori Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 971 click dal 24/01/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.