Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo cognitivo nei suoi aspetti socio-relazionari

Le difficoltà di apprendimento, quando non derivano da un evidente danno organico o biologico, hanno un fondamento nell'ambiente familiare o sociale. Alcuni bambini, pur avendo un potenziale intellettivo normale, risentono di una mancanza di interazione tra sè stessi e le persone che li circondano. Questo comporta un ritardo nello sviluppo delle strutture comunicativo-linguistiche che non permette loro un congruo sviluppo del pensiero logico, dell'intelligenza e del linguaggio. Nè derivano comportamenti diversi che vanno dall'aggressività alla sottomissione, dalla rabbia alla passività, atteggiamenti di frustrazione
o di superiorità. Partendo dalle teoria del Piaget sullo sviluppo e sull'evolversi dell'intelligenza si analizzerà quali sono le fasi e i momenti formativi per uno sviluppo armonico delle capacità cognitive del bambino.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Durante la mia, anche se breve, esperienza scolastica ho potuto constatare come, nella scuola, sia alta la percentuale di bambini che presentano dei ritardi intellettivi, o comunque, delle difficoltà di apprendimento. Ho potuto notare, altresì, come alla base di tali deficit o difficoltà non vi sia un danno organico o biologico, quanto, piuttosto, dei fattori derivanti dall’ambiente familiare o sociale. Si tratta di bambini o ragazzi apparentemente normali, sani, ma che invece soffrono di vari tipi di disagio psicologico (talora anche confinante con la patologia) e a volte adottano, conseguentemente, comportamenti poco costruttivi, incongrui, o comunque difficili da gestire. Ad una, più attenta, anamnesi familiare questi bambini presentano un vissuto angoscioso di perdite affettive perché, magari, non hanno mai conosciuto i genitori o perché ne sono stati separati troppo precocemente. A volte sono bambini che provengono da famiglie culturalmente deprivate. In alcuni casi sono vittime di abusi e maltrattamenti. Tutti, comunque, portano dentro di sé odio e rancore piuttosto che gioia e calore. Molto spesso non hanno sperimentato l’affetto di un abbraccio materno, né una carezza di una persona amica, ma solo angoscia e solitudine.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Nicola Materdomini Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7292 click dal 25/01/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.