Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagine sulle Patologie Spontanee di Delfinidi e Zifidi, sia in Libertà che in Ambiente Controllato

Lo studio della patologia dei cetacei, in particolare di quelli spiaggiati, permette di ricavare numerose e preziose informazioni utili alla protezione e alla conservazione di tali specie, potendo impiegare tali informazioni sia nell'ambito della riabilitazione e della reintroduzione dei soggetti spiaggiati vivi, sia del monitoraggio dei fattori antropici su questi animali e sull'ambiente marino in genere.
Questo lavoro è volto ad effettuare un'indagine sulle patologie spontanee nei cetacei delle famiglie delphinidae e ziphidae a vita libera che si spiaggiano frequentemente lungo le coste italiane. Oltre alla patologia degli animali spiaggiati è stata considerata quella degli animali mantenuti in ambiente controllato, finalizzata al monitoraggio igienico-sanitario delle strutture coinvolte. Infine, il lavoro si propone di valutare il rischio sanitario dei cetacei, quali veicoli di agenti zoonotici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE 1.1 LO STUDIO DEI CETACEI cetacei sono animali adattati in maniera unica all’habitat in cui vivono, che risulta essere particolarmente ostile e difficile. Il mare rappresenta, infatti, un ambiente potenzialmente ostile per i mammiferi a sangue caldo, come sono appunto balene e delfini. La dispersione del calore è più veloce che nell’aria; il cibo è spesso reperibile solo a grandi profondità, difficile quindi da trovare e catturare; il mezzo in cui si muovono gli animali presenta concentrazioni di sali particolarmente elevate, che determina, a causa del gradiente osmotico, una rilevante disidratazione. I mammiferi marini hanno però evoluto nel corso dei secoli dei meccanismi adattativi che permettono loro di sopravvivere, anche in queste condizioni particolari (Evans & Raga, 2001). Tali adattamenti e le loro peculiarità comportamentali hanno affascinato l’umanità per secoli: l’uomo è sempre stato ammaliato dai giochi e dalle evoluzioni che questi animali effettuano durante il nuoto o dalla loro simpatica e beffarda espressione. Sicuramente uno degli aspetti piu’intriganti che li riguarda è fenomeno degli spiaggiamenti, sia singoli sia di massa. Con il termine spiaggiato ci riferiamo ad un mammifero marino che viene ritrovato vivo o morto ai margini dell’ambiente marino, sia galleggiante vicino alla riva, sia arenato su una costa di qualsiasi tipo (Dierauf, 1990). I

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Sandro Mazzariol Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1162 click dal 14/02/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.