Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Karl Jaspers e la possibilità filosofica del dialogo tra religioni

Questa tesi analizza e approfondisce la proposta teoretica del filosofo tedesco JASPERS in relazione alla possibilità di un effettivo dialogo tra le religioni intese come fedi storiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 UNA TRADIZIONE FILOSOFICA DA ASSIMILARE Per quanto possa apparire immensa la letteratura critica sulla filosofia dell'esistenza e sull'esistenzialismo, è necessario riconoscere che con queste correnti di pensiero si è imposto un nuovo modo di intendere la filosofia e quindi di fare filosofia; che esse – come insegna Heidegger – hanno dato corso ad un processo ermeneutico inesauribile di cui si vorrebbero qui svolgere alcune importanti implicazioni. Facendo nostra la prospettiva storiografico-ermeneutica jaspersiana, siamo consapevoli del fatto che la nostra ragione geschichtlicht non può che riflettere geschichtlicht su di un tal evento di cui essa è insieme spettatrice e critica. Jaspers – a soccorrerci – ci ricorda che l'essenza della grande filosofia, come linguaggio della verità, è supertemporale e quindi trascende la relazionalità storica e del filosofo e dei con-filosofi, suoi critici. Questo lavoro di ricerca vuol essere un tentativo di colloquiare con un grande del pensiero filosofico contemporaneo (ma che – non dimentichiamo – appartiene alla philosophia perennis e non solo al secolo appena concluso) cercando e favorendo una Aneignung che sia sforzo di rivivimento autentico nell’orizzonte di un'indeclinabile e illimitata volontà di comunicazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eliana Rossella Bergamini Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2614 click dal 14/02/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.