Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione romena in Italia

Un tentativo di interpretare le dinamiche migratorie che intercorrono tra Romania all'Italia: l'ausilio di fonti normative e statistiche, insieme ad un approccio attento e critico, offre spunti di riflessione su un fenomeno complesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE I Romeni sono la prima comunità straniera in Italia. Per cercare di rapportarsi con correttezza al confronto con tutte le popolazioni più o meno ospiti, urgerebbe abbandonare la rigidità di schemi mentali cristallizzati nel pre-concetto e nel pre-giudizio. Fomentata con energia, la xenofobia più o meno dissimulata riesce ad essere più forte del’esperienza storica recente, che ha visto gli stessi Italiani emigrare a milioni nel mondo, già a partire dalla nascita dello Stato unitario moderno e fino agli anni Settanta del secolo scorso. Si sono succedute diverse ere tecnologiche e di annichilimento del’essere “umani”, ma non si può negare una lettura al fenomeno di persone utilizzate come meri fattori di produzione, sradicate o spinte ad allontanarsi dagli ambienti di origine e utilizzati come “forza lavoro” mobile (in tuti i setori, atraversando modeli di produzione spesso divergenti: il contemporaneo consuma per produrre). Queste assunzioni scontate, che non hanno la benché minima pretesa di scalfire il caos cui si tenta di dare ordine, possono però introdurre, nella presentazione della suddivisione del testo, altre riflessioni. Nel primo capitolo della trattazione si è iniziato riferendosi, pur se con brutalità nelle mancanze, ad una cronologia dei Romeni ridotta in pillole (note). I riferimenti hanno tentato di cogliere le dinamiche sottese ai cambiamenti, nella continuità storica del dirigismo romeno (ad entrare nel gioco delle definizioni, ci si accorge che monarchico, fascista, nazionalcomunista di tipo sultanistico e democratico presentano molte similitudini nella gestione della costruzione statale). Al’organizzazione amministrativa del teritorio, molto mutato in estensione spaziale nella storia dello Stato romeno moderno, il controllo direttivo interno ha

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Raffaele Amelio Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11831 click dal 03/02/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.