Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studi sulla memoria tra Psicologia Dinamica e Neuroscienze: una rassegna critica

Obiettivo fondamentale consiste nel presentare gli aspetti della natura dinamica della memoria. In quest’ottica, la funzione chiave della memoria non è quella di registrare in maniera isomorfa l’esperienza passata e di riproporla fedelmente ogni qual volta l’individuo lo desidera, ma quella di “sintetizzare significato” operando attraverso schemi in grado di integrare informazioni passate, presenti e future in una sorta di “narrazione personale” che conferisca senso alla presenti, passate e future esperienze e relazioni. Dare senso all’esperienza significa,in quest'opera, vedere collaborare in stretta connessione i sistemi neurali della memoria e quelli delle emozioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nonostante l'adesione teorica ad un progetto d'indagine scientifica unitario sui processi mentali, diverse discipline (filosofia, antropologia, psicologia, neuroscienze, ecc. ), sul piano pratico, pur individuando punti di convergenza, raramente si sono impegnate in un lavoro di integrazione delle conoscenze. La mancanza di punti di convergenza non costituisce un'eccezione neanche nel settore di studio della memoria. Nel corso degli anni queste discipline si sono dedicate allo studio della memoria con approcci molto differenti anche all'interno della stessa disciplina. Per quanto riguarda la psicologia, troppo spesso si è affiancato alla mancanza di cooperazione tra approcci diversi una forte rivalità che vedeva dissipare notevoli energie psicofisiche per individuare punti di disaccordo (spesso inconsistenti) piuttosto che punti d'accordo, a mio avviso presenti, al fine di veder prevalere un dato “punto di vista”, una determinata “tradizione metodologica”, alla quale si affiancava il termine di “scuola” per offrire consistenza. A ciò si aggiunge il fatto che, molto spesso, ai lavori che tentano di far riferimento al substrato neurale dei processi psichici, è affiancata l’etichetta di “materialisti” o “riduzionisti”. Senza un’accurata conoscenza di quella che è la neurobiologia e la neurofisiologia del cervello, ogni tentativo di comprendere adeguatamente la mente è destinato a fallire; ogni tentativo di

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Biagio Frasca Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13133 click dal 03/02/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.