Skip to content

Foucault e Freud. L'immagine e l'inconscio

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Bortolotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Silvana Borutti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

Jacques-Alain Miller, in un intervento sul tema Foucault e la psicanalisi, nota che la psicoanalisi occupa, nell’opera di Foucault, tra il 1966 de Le parole e le cose e il 1976 de La volontà di sapere, una posizione simmetrica e inversa, quasi che questi scritti fossero due passi iniziali di un libro intitolato Morte della psicoanalisi, che tratta retrospettivamente la psicoanalisi, con uno sguardo archeologico, come una pratica desueta.
Nel 1977, in un’intervista apparsa sulla rivista lacaniana Ornicar?, rispondendo a una serie di domande dello stesso Miller a proposito della psicoanalisi, Foucault tiene a sottolineare come la novità della psicanalisi non stia, come spesso si sostiene nei Tre saggi sulla teoria sessuale e nella scoperta dell’eziologia sessuale della nevrosi (secondo Foucault, sotto questo aspetto è bastato a Freud prendere alla lettera Charcot), ma nella Traumdeutung, la cui fondamentale scoperta è di una logica dell'inconscio.
L’intento a cui si è diretto il mio confronto tra Foucault e Freud è di esplicitare a cosa si riferisca il primo parlando di una “logica dell’inconscio” e per farlo mi sono concentrato su scritti di Foucault anteriori a queste due sue considerazioni della psicoanalisi. In particolar modo ho analizzato due testi: la lunga Introduzione del 1954 di Foucault a Sogno ed esistenza di Ludwig Binswanger e Nietzsche, Freud, Marx del 1964.
Per quanto riguarda il primo, l’Introduzione nasce in occasione di una traduzione in francese del testo di Binswanger da parte di Jacqueline Verdeaux, che chiede a Foucault una consulenza per il lessico filosofico e gli propone inoltre di scriverne l’introduzione, che si presenterà, a stesura ultimata, più lunga del testo che introduce.
Il 1953 è un anno importante per la psicoanalisi francese, è l’anno della cosiddetta “prima scissione”: Daniel Lagache, Françoise Dolto e Jacques Lacan, tra gli altri, rassegnano le dimissioni dalla Società Psicanalitica di Parigi, fondando la Società Francese di Psicanalisi che non verrà mai riconosciuta dall’Associazione psicanalitica internazionale. In settembre Lacan tiene il suo famoso Discorso di Roma, manifesto della nuova società.
Per quanto riguarda il secondo testo, Nietzsche, Freud, Marx deriva da un intervento di Foucault al Convegno su Nietzsche del luglio del 1964. La psicoanalisi francese si trova, in quel periodo, in una situazione altrettanto cruciale: l’anno precedente è l’anno della cosiddetta “seconda scissione”. Questa scissione, dopo l’esclusione di Lacan dall’elenco dei didatti, porta alla fondazione dell’Associazione psicanalitica di Francia (sotto la direzione di Pontalis) e, nel giugno del 1964, della scuola psicoanalica lacaniana, l’Ecole Freudienne de Paris.
Ho diviso questa ricerca in due parti: nella prima, dedicata ad una lettura di Freud, ho privilegiato un percorso attraverso le nozioni e i concetti psicoanalitici presenti nel testo foucaultiano, con il duplice beneficio di esplicitare l’argomentare di Foucault e di ripercorrere la testualità freudiana.
Per quanto riguarda il testo del ’54 questa lettura di Freud accomuna il sogno e la psicosi; infatti sia il sogno sia la psicosi vengono presentati da Foucault in termini che denotano la loro comune appartenenza ad un mondo immaginario, così come entrambi costituiscono per l’interpretazione analitica un limite ermeneutico.
Inoltre portando il sogno come mondo immaginario della riflessione foucaultiana vicino alla concezione freudiana del soddisfacimento allucinatorio, mi è sembrato di chiarire meglio l’intento dello stesso Foucault a proposito del sogno: dare tutta l’importanza che merita al suo carattere di immagine.
In riferimento alla psicosi, mentre il dossier Rivière del ’73 mette in luce l’indecidibile della follia, nel caso Schreber, il debito riconosciuto da Freud nei confronti della “lingua fondamentale” e il meccanismo della proiezione evidenziano la psicosi come costruzione di un mondo sottratto al principio di realtà, uno “scrigno psicotico” (come lo definisce Freud ne La perdita di realtà nella nevrosi e nella psicosi).
Per quanto riguarda la lettura di Freud contenuta nel testo del ’64, ho collegato il “non compiuto” dell’interpretazione di cui parla Foucault con il compito infinito dell’interpretazione di cui parla Freud in Analisi terminabile e interminabile. Negli accenni foucaultiani alle nozioni di transfert e di fantasma ho inoltre messo in evidenza, per il transfert un legame con il sogno (nel punto ombelicale della parola) e con la psicosi (nella distinzione tra nevrosi da transfert e nevrosi narcisistiche); per il fantasma un legame con il reale impenetrabile carico d’angoscia.
Nella seconda parte, dedicata ad un’interpretazione di Freud, mi sono concentrato sia sul confronto, che Foucault abbozza, tra la psicoanalisi e la fenomenologia di Husserl e di Sartre, sia sulla considerazione della psicoanalisi sotto il suo aspetto interpretativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Foucault e Freud, Foucault e la psicoanalisi: dall’immagine che si ha del loro rapporto, non possono che risultare i termini di un ossimoro, o di una disgiunzione esclusiva. Forse non è così: per proporre un quadro diverso ci siamo concentrati su uno dei primissimi scritti pubblicati da Michel Foucault, testo in seguito rinnegato dall’autore, e su testi minori ed interviste, che, secondo il giudizio di Gilles Deleuze, prolungherebbero “ognuno dei suoi libri verso la costruzione del problema attuale” 1 e nei quali, secondo Judith Revel, si può riconoscere “una sorta di laboratorio del pensiero, non più rivolto a un’archeologia del passato, bensì a una genealogia del presente, attraverso un’analisi della modernità” 2 . Come nota Jacques-Alain Miller 3 , il contestato erede di Jacques Lacan, la psicoanalisi occupa, nell’opera di Foucault, tra il 1966 de Le parole e le cose e il 1976 de La volontà di sapere, una posizione simmetrica e inversa, quasi che fossero due passi iniziali di un libro intitolato Morte della psicoanalisi, che tratta retrospettivamente la psicoanalisi, con uno sguardo archeologico, come una pratica desueta, come una cosa morta. Se è così, allora il nostro compito deve concentrarsi su quello che è accaduto prima del 1966, prima dell’inizio della morte della psicanalisi, quando la psicoanalisi era ancora in vita, anche nel testo di Foucault. 1 G. Deleuze, Foucault, Minuit, Paris 1986, tr. it. di P. A. Rovatti e F. Sossi, Foucault, Feltrinelli, Milano 1987, p. 116. 2 J. Revel, Foucault e la letteratura: storia di una scomparsa, in Archivio Foucault, 1. 1961-1970. Follia, scrittura, discorso, a cura di J. Revel, Feltrinelli, Milano 1996, pp. 17-18. 3 J.-A. Miller, Michel Foucault et la psychanalyse, in AA.VV., Michel Foucault philosophe. Rencontre internationale. Paris 9, 10, 11 janvier 1988, a cura del Centre Michel Foucault, Seuil, Paris 1989.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

foucault
foucault freud
freud
immaginario
immagine inconscio
ornicar?
psicoanalisi
psicosi
sogno ed esistenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi