Skip to content

Adolescenti e disturbi della condotta: una interpretazione psicodinamica

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Vignolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Donatella Cavanna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 254

La relazione con il soggetto adolescente presenta problematiche la cui origine è ormai unanimemente condivisa e le cui particolarità sono conosciute molto bene da tutti coloro che, a vario titolo, si trovano ad operare a contatto o a favore di soggetti che stanno attraversando questa fase dell'esistenza.
Tali problematiche, intrise di elementi di apparente incomprensibilità, si acuiscono in modo ragguardevole in tutti quei casi in cui gli adolescenti presentino disturbi del comportamento. Ciò comporta notevoli ripercussioni nelle relazioni sociali e, di conseguenza, impedimenti difficilmente superabili qualora si renda necessario procedere con percorsi educativi o terapeutici, al fine di promuovere un adeguato sviluppo della personalità del soggetto adolescente.
Visto l'esponenziale aumento delle problematiche comportamentali negli adolescenti, spesso sfocianti in gravi episodi di violenza, nonché le notevoli difficoltà nel trattare questi soggetti, abbiamo pensato che una dissertazione sul Disturbo della Condotta, quale inquadramento diagnostico che tratta specificamente queste problematiche, e sulle dinamiche intrapsichiche che sottendono ai comportamenti violenti, potesse fornirci una occasione di studio e un interessante spunto di riflessione circa questi disturbi. Invero, lo scrivente si trova giornalmente ad operare in qualità di educatore con soggetti adolescenti, tra i quali è frequente riscontrare problematiche comportamentali talvolta gravemente inficianti il loro universo relazionale e troppo spesso causa di emarginazione sociale.
Come accennato sopra, infatti, e come avremo modo di osservare nei prossimi capitoli, alla fisiologica conflittualità propria del periodo si vanno ad aggiungere, nei casi in cui si evidenzino disturbi della condotta, gravi difficoltà nelle relazioni oggettuali e una fragilità della personalità che frequentemente minano le relazioni educative a partire dai loro presupposti fondativi, e cioè la possibilità di avviare una relazione.
Convinti che vada riconosciuta ai disturbi della condotta una dignità di sofferenza psichica, e in questo confortati dai colloqui quotidiani con adolescenti difficili, crediamo che la psicoanalisi, o comunque una chiave di lettura psicodinamica, possa fornire un utile strumento di comprensione anche per l'educatore, onde poter meglio elaborare ciò che osserva e che vive giornalmente. I disturbi della condotta sono infatti peculiari per il fatto che presentano elementi di provocazione e di svalutazione delle figure adulte, il che concorre a creare un clima di tensione che mina, o tenta di minare, la professionalità stessa degli operatori referenti.
Tenere presente la sofferenza, i vissuti abbandonici e la frammentazione delle relazioni affettive e, di conseguenza, le dinamiche profonde alla base dei disturbi della condotta e dei comportamenti violenti veri e propri di questi adolescenti può, a nostro avviso, non solo fornire maggiore consapevolezza operativa ma salvaguardare gli operatori implicati negli interventi con questi soggetti dal cadere nell'ottica adultomorfa della delinquenza, della cattiva volontà o, peggio, dal cogliere determinate dinamiche di carattere difensivo come attacchi personali da parte di soggetti cattivi e opportunisti. Tutto ciò, ovviamente, senza fuorcludere l'adolescente in difficoltà dalle proprie responsabilità, in un'ottica, però, non rivendicativa ma di comprensione empatica.
Empatia, della quale purtroppo i soggetti con Disturbo della Condotta spesso paiono sprovvisti e della quale, probabilmente, hanno un disperato bisogno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE La relazione con il soggetto adolescente presenta problematiche la cui origine è ormai unanimemente condivisa e le cui particolarità sono conosciute molto bene da tutti coloro che, a vario titolo, si trovano ad operare a contatto o a favore di soggetti che stanno attraversando questa fase dell'esistenza. Tali problematiche, intrise di elementi di apparente incomprensibilità, si acuiscono in modo ragguardevole in tutti quei casi in cui gli adolescenti presentino disturbi del comportamento. Ciò comporta notevoli ripercussioni nelle relazioni sociali e, di conseguenza, impedimenti difficilmente superabili qualora si renda necessario procedere con percorsi educativi o terapeutici, al fine di promuovere un adeguato sviluppo della personalità del soggetto adolescente. Visto l'esponenziale aumento delle problematiche comportamentali negli adolescenti, spesso sfocianti in gravi episodi di violenza, nonché le notevoli difficoltà nel trattare questi soggetti, abbiamo pensato che una dissertazione sul Disturbo della Condotta, quale inquadramento diagnostico che tratta specificamente queste problematiche, e sulle dinamiche intrapsichiche che sottendono ai comportamenti violenti, potesse fornirci una occasione di studio e un interessante spunto di riflessione circa questi disturbi. Invero, lo scrivente si trova giornalmente ad operare in qualità di educatore con soggetti adolescenti, tra i quali è frequente riscontrare problematiche comportamentali talvolta gravemente inficianti il loro universo relazionale e troppo spesso causa di emarginazione sociale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi