Skip to content

Progetto di recupero di intonaci sugli edifici in terra (“atterrati”) siti in provincia di Macerata : Durabilitá di intonaci a base di terra stabilizzati con additivi naturali - Valutazioni sperimentali

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Giancola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Ancona
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Edile-Architettura
  Relatore: Placido Mmunafó
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

L’oggetto della Tesi è quello di verificare sperimentalmente in laboratorio una tecnica d’intervento per il recupero degli “Atterrati” siti nella provincia di Macerata, curando in particolare il problema delle murature lesionate con particolare riferimento alle finiture. Il recupero di questi edifici è necessario in quanto lo stato di conservazione è pessimo, oltre alla mancata manutenzione e rinnovo degli elementi di protezione delle murature dagli agenti atmosferici, quali coperture ed intonaci, si sono verificati problemi legati a cinematismi di rottura dovuti a cedimenti del terreno in quanto gli “Atterrati” non sono dotati di un sistema fondale adeguato.
Quindi sarebbe necessario effettuare oltre ad interventi di recupero delle fondazioni, interventi di risarcitura delle murature lesionate.
È meritevole occuparci della conservazione di queste costruzioni che costituiscono una parte dell'edilizia storica in Italia e che rispecchiano le condizioni sociali di alcuni periodi nella storia italiana, edifici che rischiano di sparire presto se non ci si accorge della necessità della loro conservazione e del loro valore culturale e architettonico ambientale.
Il lavoro svolto con questa tesi mira soprattutto alla sperimentazione di una tecnica per la protezione delle superfici in terra esistenti tramite intonaci resistenti a base di terra trattati con l'aggiunta di additivi naturali economici utilizzati anticamente per il miglioramento delle proprietà meccaniche e della durabilità del materiale da costruzione terra cruda e lo studio del loro effetto sugli intonaci.
Da ciò discende la necessità di valutare con strumenti attuali ed oggettivi le caratteristiche meccaniche del materiale terra indispensabili per una valutazione quantitativa della capacità portante e della durabilità di strutture costruite da terra cruda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione pag. 1 Da quando l’uomo circa 10.000 anni fa, ha imparato a costruire case e città, la terra indubbiamente diventato il materiale da costruzione più ampiamente impiegato al mondo. Hoben e Guillaud, 1994 INTRODUZIONE Premessa Da quando la terra è Terra , da quando la lava e le rocce sotto gli assalti delle intemperie hanno fatto nascere una sabbia a volte fecondata dall’acqua e dalla vita vegetale, la terra ha costituito un materiale privilegiato per la costruzione. La natura ne ha dato l’esempio: le termiti hanno edificato le loro torri al di sopra del suolo e hanno sviluppato una articolazione d’aria che prefigura i moderni sistemi di ventilazione. La vespa vasaia e sua cugina la vespa lavatrice del fango, meglio conosciute come mosche muratrici, hanno lavorato con le loro mandibole e infine modellato come architetti delle volte dalle curve perfette. L ‘uomo dall’antichità fino all’inizio dell’era industriale ha seguito questo esempio ed ha sempre costruito le sue abitazioni, semplici o nobili, con i materiali che gli erano più vicini: fibre o foglie, pietre o terra cruda ovvero seccata al sole. Si è sviluppato cosi un savoir-faire che è stato trasmesso di generazione in generazione. Ma il mattone cotto e i materiali fabbricati in serie (cemento, acciaio, vetro, ecc. .) hanno lentamente soppiantato gli elementi di base della costruzione tradizionale in nome della solidità, della perennità dello stesso igiene.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi