Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le collaborazioni coordinate e continuative nel pubblico impiego

La tesi affronta il tema del conferimento di incarichi esterni nella pubblica amministrazione, con particolare riferimento alle istituzioni universitarie. Prendendo come spunto la sentenza n. 89 del 2003 della Corte Costituzionale, l'autora dimostra la "non omogeneità" tra il rapporto di pubblico e impiego e lavoro suborsinato. Si affronta poi il tema delle co.co.co. nel pubblico impiego, della non estenzione alle amministrazioni pubbliche della c.d. "legge Biagi", delle conseguenze del conferimento di incarichi esterni oltre i limiti di cui all'art. 7 c. 6 d.lgs 165/2001 e del rapporto di lavoro di fatto, ai sensi dell'art. 2126 del codice civile.
La parte finale analizza la disciplina di dettaglio in materia di conferimento di incarichi esterni all'interno dell'Università di Pisa.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Premessa. L’esposizione che segue, quale momento finale di un master post – laurea, vuole analizzare, in modo necessariamente sintetico, uno degli aspetti connessi alla gestione delle risorse umane in ambito universitario. Come tutte le pubbliche amministrazioni, infatti, anche le università si stanno confrontando da molti anni con la riduzione della spesa pubblica per il personale. Le ultime cinque finanziarie hanno portato nel loro seno il c.d. “blocco delle nuove assunzioni” nel pubblico impiego. La misura, denominata non a caso anche “blocco del turnover”, non consente alle amministrazioni di sostituire con nuovo personale di ruolo i lavoratori che si pensionano. La forbice governativa ha avuto quale inevitabile conseguenza, l’incremento da parte delle pp.aa. del ricorso a forme contrattuali “atipiche”, siano esse di lavoro autonomo, para – subordinato o assunzioni a tempo determinato. Se da un lato si risparmia, dall’altro si spende in modo incontrollato e irrazionale, in barba ai principi di accesso al pubblico impiego, con il superamento, spesso, dei limiti che la legge impone al ricorso a tale fattispecie contrattuali. Nei limiti imposti alla seguente trattazione, si evidenzieranno le differenze tra rapporto di pubblico impiego (lavoro subordinato) e collaborazione coordinata e continuativa con la pubblica amministrazione, i connotati tipici della collaborazione coordinata e continuativa, con riferimento anche all’ipotesi di contratto nullo, e gli aspetti regolamentari del ricorso collaborazioni esterne nell’Università di Pisa.

Tesi di Master

Autore: Paolo Maddaloni Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3813 click dal 27/02/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.