Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condizione della donna in Marocco fra tradizione e modernità

Questo studio sulla condizione della donna marocchina ha cercato di porre in risalto le diverse realtà femminili considerando quegli aspetti prettamente antropologici che più si riflettono nel diritto musulmano.
La ricerca effettuata in loco, ha permesso di cogliere evidenti discrepanze nel modello giuridico fra donne berbere e beduine e donne arabe rurali e di città.
Inoltre, è possibile verificare un cambiamento significativo nel Codice dello Statuto personale: Mudawwana, avvenuta nel 2004.
Importante anche la testimonianza dello scomparso scrittore marocchino Mohammed Choukri.
Varie sono le celebrazioni connesse alla verifica del matrimonio in ambito tribale attraverso l'uso del tappeto.
Aperture significative stanno avvenendo anche nella scolarizzazione delle scuole elementari eliminando dalle figure usate nei testi scolastici il velo.
In pochi anni, dal 2004 al 2006, il Marocco affronta una serie di nuove iniziative progressiste di ampio respiro affacciandosi sempre di più in un contesto di partnerariato euro mediterraneo

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo studio si occupa della condizione della donna musulmana marocchina. La scelta di questo argomento che tocca oggi l’interesse del mondo occidentale e in maniera particolare, la sociologia, l’antropologia e l’etnologia, per quanto riguarda la nostra ricerca, concentrata sul Diritto musulmano, è molto importante perché propone innovazioni in senso giuridico che permettono di cogliere una differenza sostanziale tra il Marocco ed altri paesi islamici dove la donna non gode di diritti ma è sottoposta all’egemonia patriarcale o maggiormente maritale. Mentre in altri paesi del Maghreb o, per essere più incisivi, in Afghanistan ed in Nigeria, sono permesse dalla legge islamica, la sharī‘a, alcune pratiche quali l’infibulazione, e la donna è relegata completamente agli ambienti domestici o subisce gli aspetti più degradanti ed arcaici del sistema religioso e giuridico, in Marocco, nonostante il suo profondo legame alla tradizione non solo araba, ma in maniera preponderante a quella delle varie etnie berbere e beduine, si sono avute delle aperture decisive in senso giuridico che offrono maggiori opportunità alle donne. Grazie a tali innovazioni il Marocco è riuscito ad allontanarsi da quelle istituzioni prettamente ortodosse ed antiquate che non permettevano alle donne, né una attiva partecipazione alla società né un’emancipazione in senso economico, e per quanto interessa il Governo marocchino, non conferiva un avvicinamento decisivo alle politiche adottate dai governi occidentali. La nostra ricerca vuole portare in luce, l’aspetto tradizionale e le metamorfosi avvenute grazie al progresso. Fra tradizione e modernità, è la chiave di lettura per esaminare il processo di emancipazione della donna in un paese in via di sviluppo che proprio negli ultimi anni, con il giovane re Mohammed VI e la classe dirigente intenta ad occidentalizzare lo

Tesi di Laurea

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Edoardo Marino Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18315 click dal 27/02/2006.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.