Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo delle interfacce nelle applicazioni

Il problema messo in luce da questa tesi ruota intorno al confine fra uomo e macchina, su ciò che avviene nell’interazione fra un essere umano e un programma software. Spesso la progettazione del software si sofferma sulla qualità del codice o l’organizzazione dell’informazione, ma non sulla qualità della fruizione del mezzo di comunicazione, sulla qualità dell’interazione. La domanda fondamentale che muove questa ricerca è capire perché le persone, quando utilizzano un prodotto informatico, non riescano ad utilizzarlo in maniera efficace o, peggio ancora, il loro utilizzo è causa di frustrazione.
Lo scopo è quello di delineare le fasi di progettazione dell’interfaccia di un’applicazione, ossia capire come si possano progettare i possibili modi d’utilizzo di un programma, per una classe di utenti, attraverso l’ideazione della sua interfaccia, e come si possa verificarne la semplicità d’uso attraverso parametri di usabilità. Caratteristica fondamentale delle applicazioni multimediali è l’interattività, in altre parole la possibilità dell’utilizzatore di interagire con queste; di conseguenza questa tesi evidenzia il modo con cui le persone usano i programmi ed interpretano le informazioni che il calcolatore fornisce. Definiamo quindi l’oggetto di indagine di questa tesi che è l’interfaccia, vale a dire lo strumento, o meglio il luogo dell’interazione uomo-macchina.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione Questa tesi è divisa in quattro capitoli: il primo definisce il problema, lo sviluppo dell’interfaccia; il secondo delinea la teoria utilizzata per spiegare il meccanismo di interazione uomo-macchina, il terzo propone un modello di progettazione delle interfacce; il quarto infine cerca di applicare questo modello ad un caso pratico. Problema Il problema messo in luce da questa tesi ruota intorno al confine fra uomo e macchina, su ciò che avviene nell’interazione fra un essere umano e un programma software. Spesso la progettazione del software si sofferma sulla qualità del codice o l’organizzazione dell’informazione, ma non sulla qualità della fruizione del mezzo di comunicazione, sulla qualità dell’interazione. La domanda fondamentale che muove questa ricerca è capire perché le persone, quando utilizzano un prodotto informatico, non riescano ad utilizzarlo in maniera efficace o, peggio ancora, il loro utilizzo è causa di frustrazione. Lo scopo è quello di delineare le fasi di progettazione dell’interfaccia di un’applicazione, ossia capire come si possano progettare i possibili modi d’utilizzo di un programma, per una classe di utenti, attraverso l’ideazione della sua interfaccia, e come si possa verificarne la semplicità d’uso attraverso parametri di usabilità. Caratteristica fondamentale delle applicazioni multimediali è l’interattività, in altre parole la possibilità dell’utilizzatore di interagire con queste; di conseguenza questa tesi evidenzia il modo con cui le persone usano i programmi ed interpretano le informazioni che il calcolatore fornisce. Definiamo quindi l’oggetto di indagine di questa tesi che è l’interfaccia, vale a dire lo strumento, o meglio il luogo dell’interazione uomo-macchina.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriele Girardi Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 952 click dal 02/03/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.