Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La quotazione delle società calcistiche

*Tesi premiata con 110&Lode*

546 pagine, 427 note a piè di pagina, 54 testi consultati, 80 siti internet, 638 articoli per studiare la dinamica di borsa delle società calcistiche quotate in Italia (Juventus, Lazio e Roma). La tesi si sviluppa in 7 capitoli:

L’industria del calcio
Il bilancio delle società calcistiche
Dai fattori critici di successo ai fattori di rischio
Fondamenti teorici per lo studio della dinamica di borsa
Metodologia compilativa dei database e loro elaborazione
Analisi dei rendimenti e analisi dell’associazione
Un modello di regressione multipla per il pricing delle società calcistiche quotate.

Lo studio è una ricostruzione della vita di queste tre società dal primo giorno di quotazione sino al 7 marzo 2003. Con particolare riferimento al contesto normativo in cui le società operano, se ne rappresenta analiticamente il bilancio con particolare rimando alle voci che maggiormente caratterizzano il pianeta calcio, arrivando alla costruzione di un completo tessuto causale dal punto di vista qualitativo. Questa è la prima parte della tesi (capitoli 1 - 3).
Il tessuto causale, nella seconda parte, viene poi sottoposto a un test quantitativo con l’analisi dell’associazione (o della connessione); la forma della distribuzione dei rendimenti è studiata tramite l’uso degli istogrammi e con lo stimatore di volatilità di Yang & Zhang (2000). Lo studio è completo e si mettono in particolare relazione i rendimenti di borsa con:

eventi sportivi
aspettative sui medesimi
comunicati di calciomercato
infortuni
notizie societarie e altre notizie sportive

Il modello di pricing proposto è la chiave di volta di tutta l’opera andando ad attribuire il giusto peso alle variabili esplicative. Il risultato è un successo: i fattori R2 di volatilità spiegata sono compresi tra 0,79 e 0,91 e, dato l’ultimo prezzo, l’errore di previsione medio a fine settimana borsistica è di 1-2 centesimi di Euro. La tesi è anche una preziosa e unica summa di tutte le teorie gestionali di un’impresa calcistica, per una corretta e vincente conduzione d’impresa.

Non ho timore nell'asserire che questo è il più completo lavoro sulla quotazione delle società calcistiche mai pubblicato in Italia.

***********************************************************
NEL 2008 LA TESI È STATA PREMIATA DALLA LEGA CALCIO COL PREMIO DI LAUREA RILASCIATO DALLA FONDAZIONE ARTEMIO FRANCHI (3° POSTO)

Http://www.lega-calcio-serie-c.it/it/altro/laureafranchi.htm

http://saucius.altervista.org/

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Scopo del presente lavoro è lo studio della dinamica di quotazione delle società calcistiche in Italia (Juventus FC, AS Roma, SS Lazio), con diramazioni riguardo al contesto e al settore in cui la società opera. E’ nostro obiettivo fornire al lettore tutte le chiavi di letture per poter agevolmente comprendere la dinamica dei titoli, che sono giuridicamente azioni ordinarie trattate sul segmento ordinario di classe 1 nel MTA per Roma e Lazio e azioni sempre ordina- rie, ma ammesse al segmento STAR per la Juventus. Il lavoro trova quindi una sua conclusio- ne naturale in una proposta di un modello di pricing, il quale tratti in un’equazione o in un si- stema di equazioni il tessuto causale come costruito nei capitolo precedenti. Questa tesi si può idealmente dividere in due parti: nella prima (capitoli 1° - 3°), prende- remo in esame il contesto giuridico ed il settore in cui le società calcistiche si muovono, per arrivare poi a identificare razionalmente tutti i fattori di rischio cui possono essere soggette tali società. La seconda parte (capitoli 4° - 7°), enuncia le basi teoriche con le quali sarà af- frontato lo studio successivo, nonché le metodologie con le quali i dati sono stati raccolti; l’analisi vera e propria comincerà nel capitolo sesto, dove verranno affrontati temi di analisi della connessione, della correlazione e della distribuzione dei rendimenti. Fatto tesoro di quanto acquisito precedentemente, giungeremo infine all’esplicitazione dell’equazione di pri- cing. Prima di parlare di quotazione, occorre descrivere cosa significa “giocare a calcio” per un’azienda (capitolo 1° e 2°). Questo significa scandagliare il processo evolutivo del settore, per comprendere pienamente i fondamenti della configurazione industriale attuale, compren- dere quanto profondamente il pallone giunge al cuore della gente, ossia quanto ricco e ampio può essere il business del pallone, che altro non è che un segmento del mercato dell’entertainment. In particolare faremo riferimento alle caratteristiche cardine del prodotto che queste aziende vanno a vendere, ossia lo “spettacolo sportivo”, marcando le distinzioni che intercorrono tra un comune bene di consumo e l’attaccamento ad una squadra. Chiudere- mo il primo capitolo elencando i soggetti del movimento sportivo, che non si risolvono nelle arcinote organizzazioni di FIGC, UEFA e FIFA, enumerando altresì le loro precise competen- ze. L’influenza cui sono soggette le aziende calcistiche non si limita all’intervento di questi soggetti sulla vita societaria, ma contribuisce tutta una serie di norme, primarie e soprattutto secondarie, nonché regolamenti, di grande interesse anche per chi detiene quote sociali, con le quali apriremo la trattazione del capitolo secondo. Questo capitolo ha lo scopo di rappresenta- re l’intera prospettiva legale che devono affrontare le società calcistiche nella gestione ordina-

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marcello Succi Contatta »

Composta da 558 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3560 click dal 17/03/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.