Skip to content

Modelli americani nella stampa femminile

Informazioni tesi

  Autore: Paola Farina
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Emanuela Scarpellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Questa tesi si propone di analizzare l’influenza dei modelli americani nella stampa femminile italiana. Lo scopo principale è di stabilire eventuali punti di contatto tra i periodici femminili statunitensi e quelli italiani, individuando similitudini o discrepanze a livello iconico e testuale. A partire dal secondo dopoguerra, infatti, è innegabile il ruolo egemone esercitato dall’American way of life sull’immaginario collettivo nazionale. Dai jeans ai corn-flakes, i costumi e lo stile di vita degli italiani sono stati profondamente influenzati dalle merci provenienti dagli Usa. Merci che sono giunte a noi non solo gravide di significati sociali e culturali diversi da quelli abituali, ma anche in grado di promuovere nuove identità individuali e collettive.
L’esportazione oltre i confini nazionali dei modelli americani di marketing e di consumismo, attuata tra gli anni Settanta e Ottanta, coincide di fatto con il predominio economico e culturale degli Stati Uniti sul mondo. L’intenzione di questo elaborato è quella di indagare un aspetto particolare di tale processo di “americanizzazione”, ovvero quello relativo alla stampa femminile. È innegabile che la pubblicità, il giornalismo, il cinema, i fumetti, la televisione e la radio siano stati toccati della longa manus statunitense. I loro contenuti, e in alcuni casi persino la loro genesi, affondano infatti le radici al di là dell’Oceano. I giornali dedicati alle donne, invece, non hanno goduto delle attenzioni riservate agli altri mass-media. La trattazione esistente in materia si ferma alla prima metà degli anni Settanta e offre al lettore una visione piuttosto limitata e di parte del fenomeno. Non va dimenticato che essa si sviluppa nel periodo della contestazione studentesca e del femminismo, due approcci da sempre molto critici verso tutto ciò che è made in Usa.
L’elaborato si divide in tre capitoli. Il primo offre una visione generale dell’Italia tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Il decennio del boom economico è di importanza capitale per comprendere l’influenza che il modello giornalistico americano giocherà sulla stampa nazionale. In questi anni, infatti, si assiste non solo alla diffusione del «Reader’s Digest», principale strumento di propaganda americana; ma anche alla nascita di «Panorama» e «L’Espresso», i due newsmagazine italiani ispirati agli statunitensi «Times» e «Newsweek»; e della stampa femminista.
Il secondo capitolo, invece, affronta la questione della stampa femminile e la sua evoluzione, prendendo in esame il periodo compreso tra il 1970 e il 2005. Viene offerta una panoramica dei principali periodici specializzati e un’analisi dei contenuti. In particolare sono state individuate alcune macro aree che evidenziano l’influenza dei modelli ideologici e culturali americani nell’immaginario collettivo italiano. Infine viene presentata una breve sintesi sulla reazione della stampa femminista di fronte all’ingerenza dello stile di vita statunitense nei costumi italiani.
Il terzo capitolo da un lato analizza il nuovo modello di periodico femminile rappresentato da «Io Donna» e da «D La Repubblica delle Donne», supplementi del «Corriere della Sera» e «La Repubblica»; e dall’altro le nuove teorie sul consumo, che sottolineano il ruolo attivo giocato dai consumatori nell’atto dell’acquisto e di fronte ai messaggi pubblicitari. Il capitolo suggerisce anche la possibilità di un modello alternativo di bellezza femminile, presentando la campagna Dove “Per la bellezza autentica”.
In chiusura dell’elaborato sono state inserite le interviste realizzate ad alcuni periodici femminili italiani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questa tesi si propone di analizzare l’influenza dei modelli americani nella stampa femminile italiana. Lo scopo principale è di stabilire eventuali punti di contatto tra i periodici femminili statunitensi e quelli italiani, individuando similitudini o discrepanze a livello iconico e testuale. A partire dal secondo dopoguerra, infatti, è innegabile il ruolo egemone esercitato dall’American way of life sull’immaginario collettivo nazionale. Dai jeans ai corn- flakes, i costumi e lo stile di vita degli italiani sono stati profondamente influenzati dalle merci provenienti dagli Usa. Merci che sono giunte a noi non solo gravide di significati sociali e culturali diversi da quelli abituali, ma anche in grado di promuovere nuove identità individuali e collettive. L’esportazione oltre i confini nazionali dei modelli americani di marketing e di consumismo, attuata tra gli anni Settanta e Ottanta, coincide di fatto con il predominio economico e culturale degli Stati Uniti sul mondo. L’intenzione di questo elaborato è quella di indagare un aspetto particolare di tale processo di “americanizzazione”, ovvero quello relativo alla stampa femminile. È innegabile che la pubblicità, il giornalismo, il cinema, i fumetti, la televisione e la radio siano stati toccati della longa manus statunitense. I loro contenuti, e in alcuni casi persino la loro genesi, affondano infatti le radici al di là dell’Oceano. I giornali dedicati alle donne, invece, non hanno goduto delle attenzioni riservate agli altri mass-media. La trattazione esistente in materia si ferma alla prima metà degli anni Settanta e offre al lettore una visione piuttosto limitata e di parte del fenomeno. Non va dimenticato che essa si sviluppa nel periodo della contestazione studentesca e del femminismo, due approcci da sempre molto critici verso tutto ciò che è made in Usa. L’elaborato si divide in tre capitoli. Il primo offre una visione generale dell’Italia tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Il decennio del boom economico è di importanza capitale per comprendere l’influenza che il modello giornalistico americano giocherà sulla stampa nazionale. In questi anni, infatti, si assiste non solo alla diffusione del «Reader’s Digest», principale strumento di propaganda americana; ma anche alla nascita di «Panorama» e «L’Espresso», i due newsmagazine italiani ispirati agli statunitensi «Times» e «Newsweek»; e della stampa femminista. Il secondo capitolo, invece, affronta la questione della stampa femminile e la sua evoluzione, prendendo in esame il periodo compreso tra il 1970 e il 2005. Viene offerta una panoramica dei principali periodici specializzati e un’analisi dei contenuti. In particolare sono state individuate alcune macro aree che evidenziano l’influenza dei modelli ideologici e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america
comunismo
costume
donne
giornalismo
media
periodici femminili
periodici italiani
società
stampa
teorie delle comunicazioni di massa
teorie economiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi