Skip to content

Le Forze Armate italiane di fronte alla nuova rivoluzione negli affari militari. La trasformazione di una media potenza in ambito di sicurezza e difesa entro il nuovo scenario internazionale del post guerra fredda

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Maltagliati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luciano Bozzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

Obiettivo del mio studio, incentrato sulla nuova Rivoluzione negli affari militari, è analizzare l’eventualità che tale rivoluzione possa essere o meno in atto anche in una media potenza quale è l’Italia. Verranno a tale scopo individuati i probabili canali di diffusione dei principi della Rivoluzione negli affari militari nel Paese, oltre al modo in cui tali principi possono essere stati recepiti dalla classe politica e militare nazionale. L’approccio, con il quale tale studio è stato affrontato, attribuisce importanza sia alle questioni politico-strategiche che hanno indotto il profondo processo di trasformazione in campo militare entro i Paesi occidentali, sia ad elementi concreti di attuazione di tali politiche che implicano lo sviluppo delle capacità necessarie per soddisfarle.
Dagli Stati Uniti alla NATO e da questa all’Unione Europea fino all’Italia, il passaggio di elementi costitutivi della Rivoluzione negli affari militari è avvenuto con difficoltà a causa della mancanza di una vera e propria politica di sicurezza e difesa europea. Nonostante le dichiarazioni di intenti tra Europa, Alleanza Atlantica e Stati Uniti, esiste ancora un divario nelle capacità e nelle politiche regionali che rischia di precludere le relazioni future tra i Paesi alleati in ambito di sicurezza e difesa. Per colmare tale divario, occorrerebbe innescare un circolo di sviluppo virtuoso che comprendesse, a livello politico, delle scelte unitarie tra i vari Paesi membri della UE e della NATO. A livello di capacità, invece, il divario esistente tra le due sponde dell’Atlantico potrebbe essere contenuto attraverso la recente costituzione dell’Agenzia Europea della Difesa.
L’Italia, come media potenza entro il nuovo quadro internazionale, affronta la questione della Rivoluzione negli affari militari da una prospettiva diversa rispetto a quella dei suoi alleati, mettendo in primo piano la trasformazione in atto del proprio strumento militare. Il cammino intrapreso si basa su tre linee di sviluppo che prevedono l’integrazione interforze, l’integrazione multinazionale, e la realizzazione delle capacità operative necessarie al soddisfacimento di tali obiettivi. Queste direttrici di sviluppo considerano l’appartenenza all’Alleanza Atlantica e all’Unione Europea come una scelta di politica di sicurezza, affrontano, dunque, la trasformazione dello strumento militare come una necessità di coerenza verso tale politica. L’ammodernamento della Difesa italiana viene collegato, in particolare, alle capacità ritenute necessarie anche dagli organismi sovranazionali di appartenenza, e che soddisfano alcuni requisiti richiesti dalle nuove tecnologie implicate nella Revolution in Military Affairs statunitense.
Bastano queste tre direttrici di sviluppo a far pensare ad una Rivoluzione negli affari militari tutta italiana?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il corso della storia ha visto manifestare vari modi di conduzione delle guerre a seconda del livello di sviluppo della tecnologia applicata alle nuove armi. Le rivoluzioni militari tuttavia, non sono state causate direttamente dall’evoluzione tecnologica, anche se quest’ultima è stata un fattore fondamentale 1 . La profonda frattura generata dalle rivoluzioni entro il continuum storico, ha indotto interpretazioni discordanti riguardo il “salto di qualità” impresso dall’innovazione tecnologica alle forme della guerra e alle sue teorie. Ecco allora, che le varie interpretazioni cambiano a seconda degli elementi che vengono ritenuti importanti per lo sviluppo delle rivoluzioni, siano essi di natura economica, come nella teoria dei coniugi Toffler 2 , piuttosto che tecnologica, nel senso di un innalzamento qualitativo dello strumento militare. In quest’ultimo caso, si possono dare definizioni diverse riguardo l’applicazione della tecnologia ai sistemi d’arma e ai suoi modi di utilizzo nella guerra. Viene usata dunque, l’espressione “Rivoluzione tecnico-militare”, per sottolineare le conseguenze della 1 L’avvento dell’artiglieria prima e delle armi da fuoco poi ad esempio, hanno portato un mutamento repentino ed efficace nella conduzione delle battaglie ed hanno inciso sugli avvenimenti politico-militari dei Paesi che le hanno imposte e di quelli che le hanno subite. L’innovazione tecnologica dell’artiglieria in particolare, produsse un salto qualitativo, generato prima dall’aumento di potenza seguito da quello di precisione, ma non modificò sostanzialmente la conduzione dei combattimenti, che rimasero legati agli schemi tradizionali fino al XIX secolo. V. Ilari, “Imitatio, Restitutio, Utopia: La storia militare antica nel pensiero strategico moderno”, in: Sordi, Marta (a cura di.), Guerra e diritto nel mondo greco e romano, Contributi dell’Istituto di storia antica, Milano, Vita e Pensiero, 2002, pp. 269-381. 2 Alvin ed Heidi Toffler, individuano tre rivoluzioni principali, generate dal mutamento del fattore economico entro le società. Individuano così una prima rivoluzione, quella industriale, alla quale si sussegue la rivoluzione industriale fino a quella attuale, che è la rivoluzione industriale. A. Toffler e H. Toffler, La guerra disarmata. La sopravvivenza alle soglie del terzo millennio, Milano, Sperling&Kupfer, 1994.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affari militari
difesa italia
forze armate
militare
militari
relazioni internazionali
revolution in military affairs
rivoluzione affari militari
rivoluzione degli affari militari
rivoluzione negli affari militari
rma
sicurezza militare
studi strategici militari
tecnologia militare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi