Skip to content

Un campione visto dai media : Gianfranco Zola

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Pitzolu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Federico Fioravanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

Gianfranco Zola nasce nel 1966 ad Oliena un piccolo paese a circa dodici chilometri da Nuoro. Si tratta di uno dei pochi giocatori al mondo che non hai mai ricevuto critiche da parte di compagni o avversari.
I media hanno fatto emergere (e questi articoli lo possono dimostrare) pienamente la sua immagine di persona schietta è molto disponibile. Ha mostrato di avere un certo “fair play” sia fuori che dentro il campo basti pensare al fatto che non ha mai assunto atteggiamenti di stizza o di protesta nei confronti né dei propri avversari né dei compagni di squadra. Ed è proprio questo suo “fair play” che gli ha consentito di
ottenere la stima da parte degli inglesi. Nel libro di Marrese l’opinionista del “Times” Brian Glanville spiega che il segreto del suo successo è dovuto proprio al fatto che nonostante la sua fama e il suo successo è sempre rimasto una persona molto modesta senza mai vantarsi. La cosa più importante emersa è che si tratta di una persona “diversa” dagli altri personaggi appartenenti a questo mondo si è distinto più di una volta infatti non ha mai fatto polemiche, mai insultato un arbitro, né mai litigato in campo con un compagno o un avversario si è distinto proprio per questa sua enorme lealtà tant’è che in tutta la sua carriera ha ricevuto solamente due espulsioni ed una ammonizione (per altro ingiusta).
Un altro aspetto, messo in evidenza dai media e che Gianfranco quando parla di questo mondo fa riferimento ad aspetti come: sacrificio, onestà, lealtà, rispetto impegno ma anche divertimento e spettacolo aspetti che al giorno d’oggi vengono messi in secondo piano.
Nel complesso posso dire che dai quotidiani da me esaminati è emersa una immagine molto positiva di Gianfranco Zola, come una persona molto stimata dai suoi colleghi,dai tifosi e anche dai giornalisti.
Gianfranco nell’intervista ha dichiarato più volte di aver avuto un rapporto abbastanza positivo con il mondo dei media, fortemente caratterizzato da uno scambio continuo di rispetto reciproco.
Tutto quello che ho riscontrato sia nell’analisi del materiale da me preso in considerazione, e in generale da tutte le fonti da cui ho attinto, hanno di fatto confermato a mio giudizio, la figura che negli anni si è andata delineando di Gianfranco Zola come quella di un campione senza eguali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 BIOGRAFIA. L’inizio della carriera Gianfranco Zola nasce nel 1966 ad Oliena un piccolo paese a circa dodici chilometri da Nuoro. Si dice che sin da piccolo aveva dimostrato questa sua grande passione per il pallone, tant’ è che passava intere giornate a giocare sotto casa e tutti rimanevano sorpresi nel vedere questo bambino palleggiare per minuti interi senza mai far cadere la palla. A dieci anni già sogna il Cagliari, a quei tempi caratterizzato dalla presenza di un grande campione come Gigi Riva. Il padre Ignazio lo porta tutti i giorni nel campetto del paese per allenarlo, ed arrivano anche i tempi delle prime partite con gli amici. A tredici anni, durante la Festa del Redentore a Nuoro, si trova a giocare il primo torneo e durante la partita contro “ l'Arborea” è presente un osservatore del Torino, che il giorno successivo si presenta in paese con l'intenzione di acquistare il suo cartellino. Ma probabilmente era troppo piccolo, o forse era troppo presto per andare via da casa e quindi non se ne fa niente. A sedici anni inizia a giocare nella squadra del suo paese " la Corrasi ", di cui il padre era anche dirigente. Da questo momento in poi, sono in molti a pensare che il suo futuro sia proprio quello e nella zona si inizia a diffondere la voce <di quel folletto che sa stregare il pallone e il mondo del calcio> 1 , ed era già abbastanza conosciuto anche tra i giovani delle altre squadre della Sardegna. Grazie all'aiuto del padre e del suo primo allenatore inizia il giro delle società più importanti della Sardegna. 1 pag. 21 “Il ragazzo che faceva sorridere il pallone” E. Marrese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi