Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gorbaciov e l'ultima era delle riforme in Unione Sovietica

La tesi tratta degli ultimi sette anni dell'Unione Sovietica sotto la guida del suo ultimo leader Gorbaciov. L'analisi verte sulle riforme economiche, politiche e sociali e sui loro esiti all'interno dell'Unione Sovietica.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 GORBACIOV: L’UOMO NUOVO Nel marzo del 1985 moriva il segretario generale del partito comunista sovietico Černenko ed al suo posto veniva eletto all’unanimità dal Politbjuro Michail Sergeevic Gorbaciov. Alla data della sua elezione egli aveva poco più di cinquant’anni, il che faceva presagire la fine del periodo di insicurezza di leadership apertosi con la morte di Leonid Breznev e caratterizzatosi per l’età avanzata e le precarie condizioni di salute dei suoi successori che morirono velocemente senza avere la possibilità di porre cambiamenti di lungo termine 1 . Alla metà degli anni ‘80 l’Urss stava attraversando, da ormai quasi un decennio, un periodo di rallentamento economico che vedeva la potenza sovietica crescere a ritmi molto bassi e perdere inesorabilmente la sfida con l’occidente lanciata da Chruščëv - poi successivamente ribadita da Breznev - sulle migliori condizioni di vita dei propri cittadini. Inoltre sul fronte della guerra fredda, dalla seconda metà degli anni 70, era andato crescendo l’attrito tra le due superpotenze a causa della nuova sfida sovietica degli euromissili SS-20 puntati sull’Europa occidentale, oltre che l’incremento delle spese militari per il sostegno sovietico nel mondo, soprattutto in Africa; l’invasione dell’Afghanistan nel 1979 e la nuova competizione con gli Stati Uniti di Ronald Rogan sullo “scudo stellare”, contribuirono a congelare le relazioni tra i due paesi. L’avvento di Gorbaciov a capo dell’Unione Sovietica avveniva quindi in una fase delicata sia dal punto di vista internazionale che da quello interno, ma al momento della sua elezione non era ancora possibile prevedere su quali linee politiche si sarebbe mosso il nuovo dirigente sovietico visto anche che ai paesi occidentali risultava ancora sconosciuto. 1 Andropov diventava segretario generale nel novembre del 1982 e moriva il febbraio del 1984; mentre il successore Cernenko moriva nel marzo del 85

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniel Ortolan Contatta »

Composta da 30 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3436 click dal 24/03/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.