Skip to content

Roberto Tremelloni e il centro-sinistra

Informazioni tesi

  Autore: Vittorio Nascimbene
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storia
  Relatore: Alceo Riosa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 538

Roberto Tremelloni nasce a Milano il 30 ottobre del 1900 in una famiglia di piccola borghesia impiegatizia. Nella città natale compie gli studi tecnici, diplomandosi in ragioneria all'Istituto Tecnico Carlo Cattaneo a poco più di 16 anni. Agli inizi del 1918 - dopo aver diretto il periodico studentesco "L'Avvenire" che aveva fondato con Raimondo Manzini e Carlo Arnaudi - è chiamato alle armi: sottotenente degli alpini - dove vuole andare per il suo giovanile amore per la montagna - prima al "Tirano" poi al "Val Brenta". Subito dopo deve avviarsi ad un lavoro remunerato proprio a seguito delle modeste condizioni economiche della sua famiglia. Si iscrive successivamente all'Università di Torino, continuando a lavorare dapprima come impiegato e poi come giornalista. Ottiene la laurea nel 1926 in Scienze economiche e sempre a Torino incontra Giuseppe Saragat.
Sulla sua formazione di studioso e in particolare di economista esercita ed eserciterà una forte influenza il pensiero, l’opera e l’insegnamento di Luigi Einaudi, alle cui lezioni universitarie era sempre presente. Dell’economista piemontese Tremelloni fa propria la concezione della politica economica che si propone in primo luogo la stabilizzazione del valore della lira, attuando un rigoroso controllo dello strumento del credito bancario. Questa concezione monetaristica dell’economia veniva peraltro attenuata dall’adesione alle idee keynesiane. Dell’economista inglese fece proprio il pensiero politico-economico volto al riequilibrio congiunturale nelle fasi sfavorevoli, combattendo l’inflazione e prendendo provvedimenti a vantaggio dell’occupazione. In sostanza l’intervento pubblico nell’economia era incentrato sulla necessità di attuare un controllo sui tassi d’interesse bancari e sugli investimenti privati facendo leva su una forte tassazione collettiva e su una politica di interventi pubblici.
Oltre ad Einaudi vi sono altre figure importanti figure che caratterizzano questa fase della vita politica di Tremelloni quali Filippo Turati, Claudio Treves, Angiolo Cabrini e dell'attività sindacale quali Rinaldo Rigola, Lodovico d'Aragona e Bruno Buozzi.
Fin dagli anni dell'adolescenza intraprende l'attività di pubblicista. Diventa giornalista professionista nel primo dopoguerra, cronista ed inviato del periodico milanese "La Sera".
Aderisce nel 1922 al Partito socialista unitario costituito dai riformisti usciti dal Psi all'indomani del XIX Congresso poche settimane prima della marcia su Roma. Nel 1923, col verificarsi delle prime scorribande fasciste, è assunto come capo redattore del quotidiano riformista "La Giustizia", diretto da Claudio Treves.
E' proprio nei giorni in cui Giacomo Matteotti, segretario del Psu, paga con il sequestro e la vita la denuncia delle illegalità compiute dai fascisti che il giovane Tremelloni si rende conto che il regime si propone la soppressione definitiva delle regole democratiche e delle libertà fondamentali.
Egli riesce comunque a partecipare alla breve vicenda del "Quarto stato", la rivista ideata da Carlo Rosselli e Pietro Nenni che promuoveva una riflessione critica sui primi quarant'anni di socialismo italiano.
Tremelloni entra nell'Ufficio studi della Confederazione generale del lavoro e diviene capo redattore di "Battaglie sindacali" poco prima che venissero del tutto soppresse le libertà democratiche alla fine del 1926. Proprio in questo anno insieme al fratello Attilio dà vita alla Casa Editrice Aracne che pubblica monografie e riviste tecniche ed economiche. Dopo il 1926 con l'accentuarsi della repressione fascista Tremelloni si allontana dalla vita politica attiva dedicandosi prevalentemente agli studi economici fianco a fianco con Prato, Porri, Cabiati, Rosselli, Demaria, Vito, Dell'Amore, Barberi, Di Fenizio, Lenti, Pagni. Pubblica un volume descrittivo della struttura e dell'opera dell' O.I.L. ("L'Organizzazione internazionale del lavoro") di Ginevra (1924). Sempre nella città svizzera Tremelloni prende contatto con le più moderne concezioni della cultura e incontra uomini di scienza di fama internazionale soprattutto nell'ambito del Bureau International du Travail , istituzione creata dalla Società della Nazioni che si occupava dei problemi del lavoro nei diversi stati. Nel 1931 ottiene la libera docenza in Economia Politica presso l'Università di Ginevra, ma solo nel 1951 la docenza in Economia ed Organizzazione Aziendale al politecnico di Milano; tenne tale cattedra fino ai primi anni ’60, allorché gli impegni politici romani si fecero più pressanti non consentendogli di proseguire l’ insegnamento universitario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
93 Capitolo primo Verso il centro-sinistra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aem
angiolo cabrini
carlo rosselli
centro-sinistra
claudio treves
costituente
costituzione
einaudi
etica politica
filippo turati
keynesiane
partito socialista
pietro nenni
politica di sinistra
psdi
saragat
sinistra
tremelloni
università di torino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi