Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adorno e il jazz

Analisi critica delle posizioni estetiche di Th. W. Adorno nei confronti della musica jazz e della popular music più in generale. Le posizioni riguardano la produzione musicale jazzistica - in questo senso la stroncatura del jazz segnala il pericolo totalitario dell'industria culturale - la forma musicale - standardizzata e pseudoindividualizzata - e la sociologia degli ascoltatori di jazz - i jitterbugs conformati e irregimentati.

Mostra/Nascondi contenuto.
II Introduzione Il peso che assume nella produzione di Theodor Wiesengrund Adorno l’analisi musicale non è certo inferiore a quello dell’argomentazione filosofica o sociologica. Azzardando, si può dire che, anzi, proprio le posizioni sulla musica costituiscono l’apice del pensiero adorniano. Abituato fin dalla fanciullezza ad alternare la propria formazione filosofica a quella musicale, nel momento di composizione speculativa questa sembra prevalere su quella. Nel pensiero estetico del novecento Adorno rappresenta un hapax legomenon di fascino persistente. Innanzitutto perché sfugge un pensiero teoretico altrettanto ricco di una preparazione artistica così estesa e approfondita. Ma soprattutto perché egli ribalta il tradizionale rapporto tra arte e filosofia: i concetti estetici solitamente venivano connessi a un impianto filosofico che ne costituiva la base. Per Adorno si tratta piuttosto della situazione speculare: egli prova a desumere i concetti filosofici da un impianto musicale. L’antitesi manichea che attraversa il campo della musica moderna, Schönberg e la dissonanza da una parte, Strawinsky e la restaurazione dall’altra, non individuano solo due modi opposti di intendere l’opera musicale – che nell’anno di apparizione della Filosofia della musica moderna, 1949, era già polarizzata da altre figure – ma piuttosto due modi diversi di vivere la società. Da una parte colui che cerca di combattere i meccanismi totalitaristi, dall’altra colui che piega il capo. Ogni altra espressione musicale o artistica viene a essere iscritta all’interno

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianni Zen Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6140 click dal 24/03/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.