Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diagnosi della modernità di Siegfried Kracauer

Siegfried Kracauer è uno studioso interessante, ma poco studiato in Italia. Per lo più trattato nella sua veste di critico cinematografico, è per lo più sconosciuta la sua produzione riguardante la critica della società e la filosofia della storia. Questo lavoro ha lo scopo di raccogliere in tre grandi temi tutti i suoi scritti. Le chiavi di lettura scelte sono: società, cinema e storia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Siegfried Kracauer nasce nel febbraio del 1889 a Francoforte sul Meno, da un commerciante ebreo, Adolf K. Kracauer e da sua moglie, Rosette Oppenheim. Muore settantasette anni dopo, nel 1966 a New York, dove aveva trovato rifugio e tranquillità in seguito alla fuga dalla Germania nazista e diverse traversie per l’Europa. Una prima fase della sua vita, che copre anche l’arco più ampio di tempo, è caratterizzata dalla crescita in una famiglia lontana dalle tradizioni religiose della cultura ebraica, da un’infanzia difficile e priva di grandi amicizie, a causa del brutto aspetto e dalla timidezza di Kracauer, dalla scelta imposta di intraprendere studi tecnici, nonostante le proprie attitudini per la filosofia e la sociologia. Tale indirizzo, infatti, lo porta a lavorare per alcuni anni da architetto, ma in seguito a inseguire le proprie inclinazioni collaborando con la pagina culturale della «Frankfurter Zeitung». È questa una delle fasi più felici e soddisfacenti della sua vita, in cui ottiene riconoscimenti come acuto giornalista, grazie al suo modo di guardare con perspicacia la realtà. Inoltre sono gli anni della pubblicazione di saggi di successo come Die Wartenden (1922), Das Ornament der Masse (1927), ma soprattutto lo studio sul mondo impiegatizio, Die Angestellten (1930), che gli permette di ottenere una certo riconoscimento come studioso, oltre che come giornalista. Lo stesso periodo è segnato anche dall’incontro con Theodor Adorno, la cui amicizia lo accompagna per tutta la vita, come dimostra il fitto scambio epistolare che dura per quasi quarant’anni. Seguono poi gli anni della fuga dalla Germania di Hitler e dell’esilio. È un momento doloroso e difficile, caratterizzato dall’assenza di radici e dalle difficoltà economiche. Kracauer e sua moglie, Elisbeth Ehrenreich, vanno prima a Parigi e poi in USA. Soprattutto in Francia maggiori sono i problemi a trovare collaborazioni presso le pubblicazioni nazionali, per questo Kracauer scrive per un

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Monica Gallo Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2606 click dal 31/03/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.