Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Italia entra nel Miracolo Economico in bicicletta e ne esce in automobile

Ogni giorno un individuo trascorre in media da una a due ore nella propria automobile per recarsi a lavoro, a scuola, per fare la spesa e tornare indietro. Se a questo tempo associamo anche quello dedicato agli spostamenti effettuati nel tempo libero, per andare al ristorante, per uscire con gli amici o per portare la famiglia al cinema, e così via, possiamo facilmente comprendere come nelle società industrializzate, nell’arco di una giornata, siano diverse le ore che spendiamo nell’abitacolo di un’auto, molte di più rispetto a quelle che dedichiamo al nutrimento, alla cura del nostro corpo e, perfino, ad alcuni dei nostri rapporti amicali o familiari. Da questa riflessione nasce l’idea di ripercorrere e comprendere quale sia stato il cammino svolto dalla nostra società italiana rispetto alla motorizzazione di massa, cercando di evidenziare quali cambiamenti sociologici e psicologici la diffusione di questo mezzo di trasporto ha portato con sé. Nell’arco di circa mezzo secolo la diffusione dell’automobile è stata notevolissima. Per avere un’idea della sua intensità possiamo confrontare i dati delle auto in circolazione rispetto alla popolazione. Al 1° gennaio 2004 la popolazione italiana contava 57.888.245 individui (Fonte: Istat), ed al 31 dicembre 2003 in Italia circolavano 34.310.446 autovetture (Fonte: Aci). Questi dati ci affermano che all’inizio del 2004 vi era un’autovettura ogni 1,7 abitanti; nel 1953 si registrava, di contro, un’automobile ogni 51,6 abitanti. Che cosa ha permesso e contribuito ad una tale diffusione?
Sarebbe un errore se ci limitassimo a leggere questi dati come un semplice incremento della diffusione di un bene di consumo: infatti, il possesso dell’automobile può essere, e deve essere, adottato anche come indicatore del benessere e della ricchezza della nostra società. La diffusione dell’automobile è direttamente proporzionale all’aumento del benessere sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Ogni giorno un individuo trascorre in media da una a due ore nella propria automobile per recarsi a lavoro, a scuola, per fare la spesa e tornare indietro. 1 Se a questo tempo associamo anche quello dedicato agli spostamenti effettuati nel tempo libero, per andare al ristorante, per uscire con gli amici o per portare la famiglia al cinema, e così via, possiamo facilmente comprendere come nelle società industrializzate, nell’arco di una giornata, siano diverse le ore che spendiamo nell’abitacolo di un’auto, molte di più rispetto a quelle che dedichiamo al nutrimento, alla cura del nostro corpo e, perfino, ad alcuni dei nostri rapporti amicali o familiari. Da questa riflessione nasce l’idea di ripercorrere e comprendere quale sia stato il cammino svolto dalla nostra società italiana rispetto alla motorizzazione di massa, cercando di evidenziare quali cambiamenti sociologici e psicologici la diffusione di questo mezzo di trasporto ha portato con sé. Nell’arco di circa mezzo secolo la diffusione dell’automobile è stata notevolissima. Per avere un’idea della sua intensità possiamo confrontare i dati delle auto in circolazione rispetto alla popolazione. Al 1° gennaio 2004 la popolazione italiana contava 57.888.245 individui (Fonte: Istat), ed al 31 dicembre 2003 in Italia circolavano 34.310.446 autovetture (Fonte: Aci). Questi dati ci affermano che all’inizio del 2004 vi era un’autovettura ogni 1,7 abitanti; nel 1953 si registrava, di contro, un’automobile ogni 51,6 abitanti. Che cosa ha permesso e contribuito ad una tale diffusione? Sarebbe un errore se ci limitassimo a leggere questi dati come un semplice incremento della diffusione di un bene di consumo: infatti, il possesso dell’automobile può essere, e deve essere, adottato anche come indicatore del benessere e della ricchezza della nostra società. La diffusione dell’automobile è direttamente proporzionale all’aumento del 1 Gianni Marocci, L’auto e i giovani, Armando Editore, Roma, 2001, p. 15.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nunzioclaudio Belcampo Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6078 click dal 03/04/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.