Skip to content

Il principio di giusto compenso nel lavoro a progetto

Informazioni tesi

  Autore: Mario Azzella
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali
Anno: 2005
Docente/Relatore: Gaetano Veneto
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

La legge di riforma del mercato del lavoro, approvata con il d.lgs. n. 276 del 2003 (così come modificato dal d.lgs. n. 251/2004) in attuazione delle legge delega n. 30 del 2003, affronta, tra l’altro, il delicato tema dei rapporti di lavoro parasubordinato, da tempo in discussione in ambito dottrinale ed oggetto di una sfortunata serie di iniziative legislative.
La volontà del legislatore è ben nota: si tratta di ricondurre con più sicurezza tali rapporti nell’alveo del lavoro autonomo genuino, evitando le frequenti prassi elusive consistenti nel qualificare come collaborazioni coordinate e continuative fattispecie che presentano, invece, i tratti tipologici del lavoro subordinato.
Di conseguenza, quasi immaginando un processo di riequilibrio osmotico tra i due macro-sistemi del lavoro subordinato e del lavoro autonomo, alle forti dosi di flessibilità introdotte dal legislatore nell’ambito del primo (attraverso la previsione di nuove forme contrattuali flessibili e l'accentuazione della flessibilità già esistente) deve corrispondere una sorta di svuotamento nel secondo.
In particolare la regolamentazione del lavoro a progetto costituisce probabilmente il punto di maggiore innovazione nell’impianto del decreto attuativo della riforma Biagi.
Tuttavia la legge delega sul mercato del lavoro ed il conseguente d. lgs. 276, nell'attuare la proposta Biagi, finiscono per tradirne l'impostazione, delineando un ulteriore tipo contrattuale, appunto quello del lavoro a progetto.
Pertanto la scelta operata dal legislatore in subiecta materia sembra indirizzarsi più sulla qualificazione del rapporto di lavoro a progetto e sull'individuazione di 'dissuasori ' normativi, quali, in particolare, il meccanismo sanzionatorio individuato nell’ art. 69, d. lgs.276/2003, che non invece sulla definizione di specifiche tutele per il lavoratore parasubordinato, con la conseguenza che ad oggi la disciplina del rapporto di lavoro a progetto si mostra assai limitata, largamente derogabile dalle parti, le quali possono, di conseguenza, modificare o integrare il contenuto negoziale del rapporto rispetto alle disposizioni di legge.
L'aspetto su cui si concentrerà questa trattazione, e sul quale il legislatore è intervenuto in modo innovativo, riguarda la determinazione del compenso corrisposto ai lavoratori a progetto ai sensi dell’art. 63 d.lgs. n. 276 e i primi problemi applicativi conseguenti alle più volte denunciate inefficienze sistematiche e funzionali di questo nuovo paradigma contrattuale: in particolare verrà affrontata la questione se, a seguito dell'introduzione del succitato art. 63, sia stato esteso in toto anche ai lavoratori a progetto il principio di giusta retribuzione ex art. 36 Cost., oppure solo con riferimento al parametro della proporzionalità.
In questo secondo caso andranno affrontati i limiti pratici che si verrebbero ad incontrare con una siffatta operazione ermeneutica; limiti, i quali sono accentuati sia dallo scarso ed insufficiente dato normativo di riferimento e sia dalla prima prassi applicativa che, allo stato, sembra quasi svalutare il connotato oggettivo della proporzionalità esaurendolo unicamente sul piano del valore corrente (i.e. di mercato) della particolare prestazione lavorativa dedotta nel contratto.
In ultimo si vedrà come la dottrina-onde evitare possibili declaratorie di nullità dei contratti di lavoro a progetto che in questa prima fase potrebbero essere pronunciate- ritenga ipotizzabile, in questo settore, un'applicazione analogica delle norme codicistiche in materia di lavoro autonomo, tanto nell'ipotesi in cui manchi la determinazione del compenso al collaboratore, quanto in quella in cui il compenso, pur pattuito, non rispetti i criteri di proporzionalità e di riferimento ex art. 63.
Tutte queste tematiche verranno affrontate non senza aver preliminarmente illustrato il substrato di diritto positivo che costituisce la base normativa di riferimento della nuova fattispecie del lavoro a progetto, nonché dopo aver esaminato per sommi capi le principali novità introdotte dalla recente riforma del mercato del lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE La legge di riforma del mercato del lavoro, approvata con il d.lgs. n. 276 del 2003 in attuazione delle legge delega n. 30 del 2003, affronta, tra l’altro, il delicato tema dei rapporti di lavoro parasubordinato, da tempo in discussione in ambito dottrinale ed oggetto di una sfortunata serie di inizia- tive legislative. La volontà del legislatore è ben nota: si tratta di ricondurre con più sicu- rezza tali rapporti nell’alveo del lavoro autonomo genuino, evitando le frequenti prassi elusive consistenti nel qualificare come collaborazioni coordinate e continuative fattispecie che presentano, invece, i tratti ti- pologici del lavoro subordinato. Di conseguenza, quasi immaginando un processo di riequilibrio osmo- tico tra i due macro-sistemi del lavoro subordinato e del lavoro autonomo, alle forti dosi di flessibilità introdotte dal legislatore nell’ambito del primo (attraverso la previsione di nuove forme contrattuali flessibili e l'accentua-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 36
biagi
co.co.co.
compenso
d.lgs.251
d.lgs.276
flessibilità
lavoro
legge30
parasubordinazione
progetto
retribuzione
riforma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi