Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti di storia della famiglia come storia delle relazioni familiari

La famiglia ha subito cambiamenti radicali.Dalla famiglia patriarcale a quella matriarcale fino a giungere alla crisi del sistema familiare intero.La tesi, dopo uno studio della famiglia "tradizionale", analizza le peculiarità della famiglia di oggi, prendendo in esame le varie tipologie familiari esistenti oggigiorno.Uno sguardo particolare è volto alla prole, spettatore inerme di meccanismi a lui oscuri.Ciò che siamo oggi, è frutto e conseguenza di ciò che siamo stati,dunque. L’uomo è sicuramente plasmato dal suo passato, dalle esperienze vissute e dagli errori commessi. È da questa convinzione che prende avvio l’idea su cui si basa questa tesi. Sappiamo, inoltre, in quanto futuri insegnanti, quanto sia importante ai fini pedagogici conoscere il vissuto del bambino, per poter meglio individualizzare il nostro progetto didattico.
Quando si pensa al vissuto del bambino, è inevitabile riferirsi al suo ambiente familiare, in quanto luogo in cui egli vive le sue prime esperienze da essere umano.Secondo la teoria di Bronfenbrenner, difatti, è proprio l’ambiente che condiziona la crescita e lo sviluppo del bambino.Ma, non solo è interessante sapere quale sia il vissuto del singolo bambino, lo è anche conoscere quali siano state in generale le tappe percorse dalla infanzia nel corso dei secoli. Quale posto hanno avuto ed hanno i bambini? Quale significato si attribuiva e si attribuisce al termine “infanzia”? Come erano e come sono strutturati i rapporti tra genitori e figli? Queste ed altre sono le domande cui questa tesi si propone di rispondere.Attraverso un percorso che vede lo studio dell’“essere bambino” dall’epoca classica a quella medievale, dall’umanesimo al romanticismo, analizzerò gli usi, le pratiche e i comportamenti strutturali delle famiglie in merito alla crescita ed alla educazione dei loro figli. Ma, poiché ciò che ci interessa non è solo come vivessero i nostri antenati durante il periodo dell’infanzia, bensì anche come vivano i bambini di oggi, questo lavoro si propone di aprire una finestra sul mondo dei “nostri” bambini, per cogliere differenze ed analogie.La famiglia inoltre ha conosciuto la nascita di un fenomeno tipico dei nostri giorni, in quanto con tale termine non si intende soltanto l’idea comune di famiglia, ma esistono anche modelli monoparentali, le famiglie “ricostruite”, le convivenze, etc. Risulta pertanto inevitabile approfondire anche questo aspetto, essendo divenuto uno dei fattori caratterizzanti della nostra quotidianità familiare, ed essendo inoltre una realtà con cui oggigiorno si confronta un numero sempre più ampio di minori.A partire dagli anni Cinquanta, in particolare, incontriamo uno strumento che ha avuto fino ad oggi un ruolo per nulla marginale: la televisione che, dopo essersi insediata nelle famiglie di tutto il mondo, assume molteplici aspetti nella vita dei bambini: gioco, madre sostitutiva, compagnia insieme ad altri bambini.Cercheremo quindi di capire quale ruolo si attribuisca a questo apparecchio per la crescita dei “nostri” figli.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Ciò che siamo oggi, è frutto e conseguenza di ciò che siamo stati. L’uomo è sicuramente plasmato dal suo passato, dalle esperienze vissute e dagli errori commessi. È da questa convinzione che prende avvio l’idea su cui si basa questa tesi. Sappiamo, inoltre, in quanto futuri insegnanti, quanto sia importante ai fini pedagogici conoscere il vissuto del bambino, per poter meglio individualizzare il nostro progetto didattico. Quando si pensa al vissuto del bambino, è inevitabile riferirsi al suo ambiente familiare, in quanto luogo in cui egli vive le sue prime esperienze da essere umano. Secondo la teoria di Bronfenbrenner, difatti, è proprio l’ambiente che condiziona la crescita e lo sviluppo del bambino. Ma, non solo è interessante sapere quale sia il vissuto del singolo bambino, lo è anche conoscere quali siano state in generale le tappe percorse dalla infanzia nel corso dei secoli. Quale posto hanno avuto ed hanno i bambini? Quale significato si attribuiva e si attribuisce al termine “infanzia”? Come erano e come sono strutturati i rapporti tra genitori e figli? Queste ed altre sono le domande cui questa tesi si propone di rispondere. Attraverso un percorso che vede lo studio dell’“essere bambino” dall’epoca classica a quella medievale, dall’umanesimo al romanticismo, analizzerò gli usi, le pratiche e i comportamenti

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lorena Ferranti Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 31922 click dal 04/04/2006.

 

Consultata integralmente 48 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.