Skip to content

Principi, strategie e applicazione del marketing culturale in ambito museale: il caso del museo del calcio di cremona

Informazioni tesi

  Autore: Valeriano Orlandini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Fabrizio Pini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 294

Il settore artistico e culturale ha sempre guardato con diffidenza al marketing e in genere a tutto ciò che fa riferimento a un approccio economico alla cultura.
Questo atteggiamento era dovuto a svariate ragioni: da un lato dalla paura di una ‘mercificazione dell’arte’ e della manipolazione del consumatore, dall’altra da una generalizzata non conoscenza dei principi del marketing da parte di larghe fasce di operatori del settore.
Oggi, però, le aziende culturali attraversano una fase di grandi cambiamenti per il concorso di numerosi fattori, che hanno portato a una rivalutazione del ruolo del marketing e alla sua applicazione in questo settore.
Tra le ragioni che hanno portato a un approccio marketing-oriented dell’arte e della cultura sono da sottolineare l’insufficienza delle risorse pubbliche, l’incremento dell’offerta di servizi per il tempo libero, il maggiore coinvolgimento dei privati sui progetti culturali, la crescita delle competenze gestionali degli operatori culturali e il consumo di arte e cultura come fattore di differenziazione degli stili di vita e di costruzione di una nuova identità collettiva.
Il settore culturale ha preso coscienza del ruolo determinante che il marketing può avere, per conferire dignità di bene economico alle opere d’arte e parziale autonomia alle istituzioni, fornendo a queste gli strumenti per l’acquisizione di maggiori fondi, per la definizione di criteri di pianificazione strategica e di gestione delle risorse.
Tutto ciò è realizzabile a condizione che il marketing divenga elemento integrante della struttura e della filosofia delle organizzazioni culturali.
E’ importante sottolineare come l’obiettivo del marketing culturale sia non tanto di soddisfare qualsiasi bisogno del pubblico, quanto di incoraggiare questo ultimo a conoscere le iniziative artistiche.
Indipendentemente dal fatto di voler realizzare un’iniziativa in funzione o meno dei bisogni dello spettatore, è, infatti, tuttavia importante sapere come raggiungere le fasce di pubblico potenzialmente interessate, così come è utile ed opportuno individuare gli strumenti che aiutino a fidelizzare e ad incrementare il pubblico.
Il marketing non porta ad una mercificazione dell’arte, in quanto “la creazione artistica (il prodotto) è il punto di partenza, non di arrivo”, come sostiene Colbert.
Il presente lavoro si articola in quattro parti. Nella prima parte, di carattere introduttivo, sarà esplorato il rapporto tra marketing e cultura con particolare attenzione alle resistenze e ai problemi che questo nuovo tipo di approccio ha provocato nel settore culturale; si cercherà di posizionare la realtà italiana rispetto a quella – più evoluta in questo campo – europea (anglosassone in particolare) e mondiale; ci soffermeremo sull’importanza che in tempi recenti il marketing ha rivestito contribuendo alla nascita di un nuovo tipo di marketing, il marketing culturale; e infine verrà presentato e analizzato il modello teorico di marketing applicato all’azienda culturale, specificando il mercato, l’ambiente, il sistema informativo e il marketing mix.
La seconda parte sarà incentrata sul consumo culturale in quanto fenomeno sociale e sul consumatore culturale, del quale sarà tracciato un profilo. Un’attenzione particolare sarà poi rivolta alle tecniche di indagine utilizzate per analizzarne i bisogni, i comportamenti e le aspettative.
Nella terza parte saranno analizzate in modo più approfondito le problematiche e i mezzi relativi all’applicazione degli strumenti di marketing nel settore culturale, con un particolare riferimento alla realtà museale. Presenteremo le tre sfide strategiche che i musei italiani dovranno affrontare per una dignitosa sopravvivenza: creare un’identità e una missione specifica del museo, creare e fidelizzare un pubblico, impostare un’efficacia strategia di raccolta fondi.
La quarta ed ultima parte sarà dedicata al calcio come fattore storico-socio-culturale mondiale. Il calcio, oltre che uno sport universale giocato nelle strade e negli stadi di tutti i paesi del mondo, è diventato un fenomeno sociale e culturale, attraversato da tutte le contraddizioni del nostro tempo, che ha influenzato notevolmente la nostra società. Presenteremo infine il particolare caso del Museo del Calcio di Cremona, descrivendo la nascita, la progettazione e il marketing plan di un museo moderno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 PRESENTAZIONE Il settore artistico e culturale ha sempre guardato con diffidenza al marketing e in genere a tutto ciò che fa riferimento a un approccio economico alla cultura. Questo atteggiamento era dovuto a svariate ragioni: da un lato dalla paura di una ‘mercificazione dell’arte’ e della manipolazione del consumatore, dall’altra da una generalizzata non conoscenza dei principi del marketing da parte di larghe fasce di operatori del settore. Oggi, però, le aziende culturali attraversano una fase di grandi cambiamenti per il concorso di numerosi fattori, che hanno portato a una rivalutazione del ruolo del marketing e alla sua applicazione in questo settore. Tra le ragioni che hanno portato a un approccio marketing-oriented dell’arte e della cultura sono da sottolineare l’insufficienza delle risorse pubbliche, l’incremento dell’offerta di servizi per il tempo libero, il maggiore coinvolgimento dei privati sui progetti culturali, la crescita delle competenze gestionali degli operatori culturali e il consumo di arte e cultura come fattore di differenziazione degli stili di vita e di costruzione di una nuova identità collettiva. Il settore culturale ha preso coscienza del ruolo determinante che il marketing può avere, per conferire dignità di bene economico alle opere d’arte e parziale autonomia alle istituzioni, fornendo a queste gli strumenti per l’acquisizione di maggiori fondi, per la definizione di criteri di pianificazione strategica e di gestione delle risorse. Tutto ciò è realizzabile a condizione che il marketing divenga elemento integrante della struttura e della filosofia delle organizzazioni culturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi