Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un intellettuale militante: Matteo Angelo Galdi

Matteo Angelo Galdi, fu autorevole protagonista di uno dei periodi più travagliati e complessi della storia della nostra Penisola.
Partendo dallo sviluppo del giocobinismo napoletano, figlio del travagliato movimento francese, passando poi per la proclamazione della Repubblica Napoletana del 1799, ho tentato di rendere più chiaro e dettagliato il periodo in cui agì e si sviluppò la personalità di Galdi.
Ho analizzato le motivazione che portarono il Nostro ad essere protagonista di continui mutamenti politici, a passare, cioè, dalla stagione dei miti e delle speranze giacobine; al successivo periodo del cosiddetto illuminismo moderato; per poi tuffarsi nell'epoca della "Restaurazione" e in quella della rivoluzione carbonara del 1820-21.
Inoltre, non ho trascurato la sua intensa attività giornalistica e pubblicistica, che fu fondamentale per le generazioni del suo tempo e per quelle future.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I IL FENOMENO GIACOBINO 1. Il vento rivoluzionario. La data del 14 luglio 1789, con la caduta della Bastiglia, segna la fine dell’ancien régime e la conquista, da parte del popolo, dei principi di uguaglianza, libertà e solidarietà. Tutte le monarchie europee erano preoccupate delle notizie che giungevano dalla Francia e temevano che analoghe sommosse potessero produrre un terremoto politico nel collaudato sistema che riconosceva potere assoluto al sovrano. Quando poi, il 20 settembre del 1792 l’Assemblea costituente viene soppiantata dalla Convenzione Nazionale; la quale stabilisce che è compito della stessa Francia rivoluzionaria soccorrere i popoli che intendessero schierarsi contro i tiranni, in molti Stati nascevano movimenti rivoluzionari sostenuti dall’esercito della neonata Repubblica Francese (21 settembre 1792) nella lotta alle perduranti monarchie assolute. I movimenti rivoluzionari, ovunque chiamati giacobini, godevano del sostegno degli uomini di cultura e di vasti strati della borghesia. Il nome “giacobino” proveniva dal più radicale e rigoroso partito politico affermatosi durante la Rivoluzione Francese. Tale partito,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosa Avino Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1915 click dal 20/04/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.