Skip to content

Distribuzione e caratterizzazione mineralogica ambientale di siti con rocce contenenti amianto. Esempi nelle ofioliti della Liguria orientale.

Informazioni tesi

  Autore: Evelina Isola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Pietro Marescotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 243

In questo lavoro di tesi è stato affrontato il problema del rischio di esposizione a fibre di asbesto in un’area dell’Appennino Ligure (bassa Val Petronio) in cui sono presenti rocce contenenti amianto, esposte in diversi contesti, quali affioramenti naturali, cave ed altre opere antropiche, come sbancamenti e strade. Un’analisi della legislazione vigente ha messo in evidenza la presenza di numerose lacune ed inadeguatezze in merito al monitoraggio, al campionamento ed alle analisi di laboratorio relative agli affioramenti naturali, che in gran parte vengono condotti seguendo le normative specificamente ideate per campioni artificiali ed ambienti chiusi. Questi problemi di applicazione sono alla base dei numerosi casi irrisolti, emersi anche recentemente, sulla valutazione del reale rischio di esposizione in ambiti territoriali.
Con il presente lavoro si è affrontato il problema attraverso un’indagine geo-litologica e minero-petrografica che è stata sviluppata tramite indagini di terreno e di laboratorio.
La zona presa in esame in questo lavoro è particolarmente indicata in quanto, in un’area ristretta, sono presenti diverse peculiarità geologiche ed attività antropiche associate alla presenza di rocce serpentinitiche. In particolare sono stati indagati un fronte di cava attivo, due fronti di cava dismessi ed un tratto dell’alveo del Torrente Petronio compreso tra due di queste cave. Dopo aver definito la strategia di campionamento, in base alle osservazioni di terreno, i campioni sono stati indagati con tecniche di microscopia ottica in luce polarizzata trasmessa e tramite analisi in diffrazione dei RX (XRD). I risultati emersi hanno messo in evidenza, in tutti i contesti studiati, la presenza di crisotilo fibroso, in particolare associato a sistemi di vene che attraversano, di norma, gli affioramenti studiati. Il rischio di emissioni di queste fibre in atmosfera, nelle acque e nei suoli è elevato in quanto questi sistemi rappresentano zone di debolezza meccanica e facilmente subiscono processi di comminuzione durante il ciclo erosivo. Il rischio può essere estremamente accentuato a seguito di attività di coltivazione di queste rocce, attività molto diffuse in questa area e più in generale in tutti i settori ofiolitici della Liguria. A testimonianza di questo tutti i detriti presenti nelle conoidi di frana, nei materiali sciolti di cava e nei sedimenti fluviali sono fortemente arricchiti in fibre libere o in fasci di fibre facilmente liberabili. Le stime quantitative condotte hanno messo in evidenza come nella maggior parte dei casi siano superati i limiti previsti dalle normative vigenti. Inoltre è stato evidenziato come gli stessi sedimenti fluviali del Torrente Petronio siano mediamente fortemente arricchiti in fibre libere in corrispondenza delle zone di cava rispetto agli stessi sedimenti delle zone a monte.
I risultati raggiunti in questo lavoro di tesi mostrano come, anche in aree dove sono presenti attività di coltivazione attive, con concessioni rilasciate sulla base delle analisi previste dalla normativa vigente, siano in realtà presenti fattori di rischio localmente considerevoli. Emerge pertanto la necessità di rivedere la normativa, e soprattutto le specifiche tecniche, perlomeno in ambito regionale, per le analisi di rocce e matrici naturali allo scopo di effettuare una corretta programmazione, pianificazione e gestione delle aree regionali con affioramenti ofiolitici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE In questo lavoro di tesi è stato affrontato il problema del rischio di esposizione a fibre di asbesto in un’area dell’Appennino Ligure (bassa Val Petronio) in cui sono presenti rocce contenenti amianto, esposte in diversi contesti, quali affioramenti naturali, cave ed altre opere antropiche, come sbancamenti e strade. Un’analisi della legislazione vigente ha messo in evidenza la presenza di numerose lacune ed inadeguatezze in merito al monitoraggio, al campionamento ed alle analisi di laboratorio relative agli affioramenti naturali, che in gran parte vengono condotti seguendo le normative specificamente ideate per campioni artificiali ed ambienti chiusi. Questi problemi di applicazione sono alla base dei numerosi casi irrisolti, emersi anche recentemente, sulla valutazione del reale rischio di esposizione in ambiti territoriali. Con il presente lavoro si è affrontato il problema attraverso un’indagine geo-litologica e minero- petrografica che è stata sviluppata tramite indagini di terreno e di laboratorio. La zona presa in esame in questo lavoro è particolarmente indicata in quanto, in un’area ristretta, sono presenti diverse peculiarità geologiche ed attività antropiche associate alla presenza di rocce serpentinitiche. In particolare sono stati indagati un fronte di cava attivo, due fronti di cava dismessi ed un tratto dell’alveo del Torrente Petronio compreso tra due di queste cave. Dopo aver definito la strategia di campionamento, in base alle osservazioni di terreno, i campioni sono stati indagati con tecniche di microscopia ottica in luce polarizzata trasmessa e tramite analisi in diffrazione dei RX (XRD). I risultati emersi hanno messo in evidenza, in tutti i contesti studiati, la presenza di crisotilo fibroso, in particolare associato a sistemi di vene che attraversano, di norma, gli affioramenti studiati. Il rischio di emissioni di queste fibre in atmosfera, nelle acque e nei suoli è elevato in quanto questi sistemi rappresentano zone di debolezza meccanica e facilmente subiscono processi di comminuzione durante il ciclo erosivo. Il rischio può essere estremamente accentuato a seguito di attività di coltivazione di queste rocce, attività molto diffuse in questa area e più in generale in tutti i settori ofiolitici della Liguria. A testimonianza di questo tutti i detriti presenti nelle conoidi di frana, nei materiali sciolti di cava e nei sedimenti fluviali sono fortemente arricchiti in fibre libere o in fasci di fibre facilmente liberabili. Le stime quantitative condotte hanno messo in evidenza come nella maggior parte dei casi siano superati i limiti previsti dalle normative vigenti. Inoltre è stato evidenziato come gli stessi sedimenti fluviali del Torrente Petronio siano mediamente fortemente arricchiti in fibre libere in corrispondenza delle zone di cava rispetto agli stessi sedimenti delle zone a monte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amianto
appennino ligure
asbesto
asbestosi
bargonasco
cave
crisotilo
fibre
ofioliti
petronio
serpentinite
serpentino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi