Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La finanza etica : la misurazione volontaria della Social Accountability . La norma SA 8000 e le sue applicazioni nel settore bancario e della finanza.

Sin da piccola mi è stato insegnato che l’essere umano, proprio in quanto tale, vale più di qualsiasi tesoro al mondo e che va rispettato e difeso nella sua dignità di uomo, che i principi e gli ideali per cui vale la pena battersi e lottare sono: la libertà, la dignità, il rispetto, l’uguaglianza di tutti gli esseri umani. Valori presenti anche nella nostra Carta Costituzionale che mette al primo posto la persona umana in quanto fine e valore fondamentale.
A questo punto viene da chiedermi, cosa posso fare io per contribuire almeno in piccolissima parte alla creazione di una società più giusta, più equa, più solidale? Una società più orientata alla “valorizzazione di principi (quali la solidarietà, la redistribuzione, l’equità, ecc.) che appaiono destinati ad attenuare la rigida applicazione delle categorie proprie della scienza economica (l’interesse, l’efficienza, il profitto, ecc.) ed a consentire un’impostazione etica dei rapporti intersoggettivi” .
A prima vista sembrerebbe che la realtà attuale del vivere sia aliena a certi argomenti quali etica, solidarietà, sussidiarietà e ci si accorge anche che se ne sente l’esigenza, specie quando le realtà borsistiche con le loro volatilità non danno ragione, o meglio, danno torto ai capitali prestati alla finanza solo per un arricchimento personale e non per il bene comune.
Tutti, infatti, sono disposti a riconoscere che forse bisognava pensare diversamente invece di dedicare il proprio risparmio solo alla mera speculazione.
Ma purtroppo quello che vale per gli altri, poi non vale per noi stessi o meglio, quello che diciamo agli altri poi non va bene a noi stessi, nel senso che se le realtà borsistiche invece ci danno ragione, accrescono in noi la sete di guadagno immediato e così ci dimentichiamo nuovamente del benessere degli altri.
Fortunatamente però, sta emergendo sempre più la figura del risparmiatore che non si accontenta di qualche punto in più, ma vuole “qualcosa di più”, inteso come “crescita dell’altro”, della comunità.
Quindi economia come bene sociale, come partecipazione al benessere sociale, ossia come miglioramento sociale.
Economia come lavoro; capacità di dare un senso alla manualità e alla capacità intellettuale. Quindi economia come realtà espressiva, (…) e la sua estrinsecazione è bene che sia unita all’etica, ossia a una realtà che cerca di dare una vivibilità concreta all’uomo” .
L’eticità, quindi, non sta nel rapporto personale, ma nell’utilità sociale che si intende raggiungere. Le norme etiche alle quali attenersi sono quindi, quelle che rispettano l’uomo in quanto essere dotato di una propria libertà, dignità e intelligenza e che pertanto, come tutti ha il diritto di vivere una vita umanamente degna. Tutti hanno il diritto al credito, oggi a molti negato.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA I CONCETTI DI ETICA E DI FINANZA Mi capita spesso di aprire la finestra al mattino e vedere persone rovistare tra i rifiuti alla ricerca di un pezzetto di pane o di una coperta con cui coprirsi, vittime innocenti e indifese di una società che mette al primo posto il denaro, l’avere, il successo, relegando agli ultimi posti l’individuo che non possiede altro se non il suo nome. Sin da piccola mi è stato insegnato che l’essere umano, proprio in quanto tale, vale più di qualsiasi tesoro al mondo e che va rispettato e difeso nella sua dignità di uomo, che i principi e gli ideali per cui vale la pena battersi e lottare sono: la libertà, la dignità, il rispetto, l’uguaglianza di tutti gli esseri umani. Valori presenti anche nella nostra Carta Costituzionale che mette al primo posto la persona umana in quanto fine e valore fondamentale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Concetta Cerra Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4161 click dal 12/04/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.