Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione dei commerci internazionali e la crescita economica

L’elaborato mira a chiarire i risultati finora raggiunti nell’analisi della relazione che intercorre fra la liberalizzazione dei mercati delle merci e la crescita economica. Nella prima parte, abbiamo esposto la difficoltà di formulare una definizione comunemente accettata del concetto di apertura commerciale. Dietro ciascuna interpretazione, possiamo intuire che si celi una diversa concezione ideologica del funzionamento del sistema economico.
Successivamente, abbiamo illustrato quali siano i principali problemi connessi con l’analisi della relazione fra liberalizzazione dei commerci e crescita economica. In primo luogo, si evidenziano le numerose difficoltà che purtroppo si incontrano nella stima dei parametri a causa dell’assenza di dati, o della scarsa precisione di questi.
In secondo luogo, notevoli sono i problemi di endogeneità dei regressori ed il reperimento di idonei strumenti per avvalersi di tecniche di stima più avanzate risulta assai difficoltoso. Inoltre, a causa della mancanza di un solido apparato analitico teorico, assai arduo risulta stabilire un rapporto causale fra le due variabili.
Infine, nel lungo periodo risulta complicato scindere gli effetti dell’apertura dei mercati ai commerci internazionali dall’influenza del contesto istituzionale o dagli effetti di altre politiche.
Nel secondo capitolo, abbiamo studiato l’evoluzione dei modelli teorici su cui si basa l’analisi empirica. Abbiamo esaminato il modello classico Ricardiano che per primo ha introdotto il concetto di vantaggio comparato. L’analisi viene, quindi, estesa ai modelli basati su vantaggi comparati dinamici e ai più recenti modelli neoclassici elaborati con l’intento di integrare un numero crescente di elementi di realismo.
Successivamente abbiamo introdotto i modelli di crescita endogena sviluppatesi con l’intento di trattare in modo endogeno importanti variabili che la scuola neoclassica ha spesso considerato esogeneamente quali il miglioramento tecnologico, l’accumulazione di capitale o l’influenza delle esternalità.
Nel terzo capitolo, abbiamo esaminato alcune fra le più importanti analisi econometriche dedicate all’analisi dell’impatto della liberalizzazione dei mercati sulla crescita.
Nel quarto ed ultimo capitolo, allo scopo di fare maggiore chiarezza sugli effetti delle politiche liberiste abbiamo esaminato i meccanismi che regolano la trasmissione delle conseguenze della liberalizzazione sul tasso di crescita economico.
In conclusione, gli effetti della liberalizzazione sulla crescita economica appaiono ad oggi piuttosto ambigui. Sebbene tendenzialmente ad una maggiore apertura verso i mercati internazionali abbia corrisposto un tasso di sviluppo positivo, il successo o l’insuccesso di processi di apertura ai mercati internazionali sembra dipendere in larga parte dalla storia e dal contesto politico e sociale specifico di ciascun Paese.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Parte prima: LA LIBERALIZZAZIONE: DEFINIZIONE E MODELLI TEORICI

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca De Nicola Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4634 click dal 12/04/2006.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.