Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Importanza della diagnosi istopatologica nei molluschi bivalvi marini

L'indagine istopatologica si è rivelata di importanza fondamentale per fornire informazioni sullo stato di benessere dei molluschi e su eventuali stati patologici che possono influire sulla commerciabilità del prodotto e/o sulla salute umana.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE I molluschi bivalvi marini, in particolare la specie Mytilus galloprovincialis in quanto organismi filtratori e bioaccumulatori possono essere presi come indicatori biologici dell’inquinamento marino. La concentrazione raggiunta dagli inquinanti nei tessuti biologici può superare in maniera significativa quella presente nell’ambiente e, per questo i bioaccumulatori forniscono importanti informazioni sugli inquinanti presenti e sulla loro biodisponibilità. Anche gli organismi vegetali si comportano come bioaccumulatori, in particolare alcune macroalghe brune e verdi sono utilizzate per le loro proprietà di accumulare metalli pesanti, mentre in genere non sembrano accumulare inquinanti organici. I requisiti richiesti nella scelta di un bioaccumulatore, sono essenzialmente: - alta tolleranza agli stress ambientali - capacità di bioaccumulo - sensibilità all’inquinamento - ampia distribuzione - facile raccolta e maneggiabilità - facile identificazione - ciclo vitale pluriennale - adeguate conoscenze sull’anatomia, fisiologia ed ecologia della specie. Questi organismi viventi non subiscono passivamente gli effetti di un’alterazione ambientale ma attuano una serie di risposte che tendono a ripristinare l’omeostasi. Tali variazioni

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Natascia Fantuzzi Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1485 click dal 28/04/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.