Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le prospettive terapeutiche dell'alcolismo. La comunità terapeutica di ''Is Lampis''

la tesi tratta delle ultime evoluzioni della piaga alcolismo, prende in considerazioni i peculiari aspetti di un abuso e dipendenza dall'alcool nei nuovi consumatori:donne e ragazzi adolescenti. Dopo un accurata trattazione delle prospettive terapeutiche, l'ultimo capitolo tratta del caso clinico di un percorso comunitario nella prima comunità per alcoldipendenti in Sardegna.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il consumo di sostanze alcooliche ha origine in tempi piuttosto antichi. I primi reperti riguardanti la produzione e il consumo di tali sostanze risale al paleolitico, dove l’utilizzo era confinato all’interno di rituali propizianti la caccia o i combattimenti. Le sostanze alcooliche divengono, presto, parte integrante delle abitudini commerciali e alimentari dei popoli più antichi del bacino mediterraneo Durante il corso della storia la produzione e l’uso di vino, birra e distillati è passata, nella maggior parte delle civiltà occidentali, attraverso vari stili di uso e consumo, procedendo verso delle condotte d’abuso sempre più problematiche. Uno stravolgimento nello stile di consumo è avvenuto soprattutto nei paesi mediterranei, dove, da un consumo di quantità anche non modeste di alcool, confinato, comunque, per lo più ad avvenimenti di convivialità familiari o amicali o per lo meno nella quotidianità come abitudine alimentare, si è passati a modelli di consumo tipici Americani e dell’Europa del Nord, con conseguente massiccio consumo fuori dai pasti e nel tempo libero. Il consumo di bevande alcooliche passa da abitudine alimentare a facilitatore delle relazioni sociali, sostituto di tratti caratteriali mancanti, quali spigliatezza, forza, estroversione, automedicamento all’interno di gravi o minori sofferenze psichiatriche; utilizzato massicciamente dalla popolazione giovanile come ponte verso l’utilizzo di altre droghe alla loro età più difficilmente reperibili. Nonostante sia difficile porre una linea di demarcazione, specialmente in Paesi come l’Italia in cui il bere sociale è ampiamente accettato, tra un consumo adeguato e lo sviluppo di condotte patologiche d’abuso, è certo che l’alcool diviene una droga quando se ne fa un utilizzo strumentale, quando l’individuo ricerca nella sostanza- alcool degli effetti specifici che possano soddisfare dei bisogni individuali. La piaga dell’alcoolismo è un fenomeno continuamente in crescita e in evoluzione, e nonostante sia ben nota la gravità delle conseguenze di un suo abuso, i diversi governi non sono ancora riusciti nell’intento di arginare un errato consumo delle bevande, con tutta la serie di conseguenze che riguardano costi per la salute pubblica, alto tasso di mortalità dovuto sia ad incidenti dovuti all’abuso sia alla cronicizzazione della sindrome da dipendenza alcoolica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sabrina Contu Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2699 click dal 28/04/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.