Skip to content

Sistemi Locali Del Lavoro della Toscana. Applicazione dell'analisi SHIFT and SHARE ai dati del valore aggiunto e dell'occupazione degli anni 1996-2002

Informazioni tesi

  Autore: Sylvain Chamberlain Taguedong
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Laura Grassini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

Il sistema produttivo italiano del secondo dopo guerra è stato dominato da costellazioni di piccole e medie imprese (P.M.I) che insieme alla grande impresa sono stati motori produttivi dell’economia italiana. Questo apparato produttivo, fino a fine ’90, è stato fondamentale per la competitività dell’Italia e dei suoi sistemi produttivi. Infatti, a tutti noi, sono noti i successi realizzati dai sistemi del tessile (come Prato), del cuoio e pelletteria, del turismo, del “made in italy ecc… L’apparato produttivo della manifattura italiana si caratterizza per la concentrazione di piccole e medie imprese che hanno le loro radici culturali nel luogo in cui sono insediate. La concentrazione in un luogo circoscritto di numerose piccole imprese tende a soddisfare le esigenze di specializzazione di filiera (riduzione dei costi di transazione ecc..), crea un ambiente in cui la competizione e la cooperazione sono intense.
Lo sviluppo tecnologico (specie le tecnologie dell’’informazione), il processo di globalizzazione e regionalizzazione (cioè l’integrazione politica economica di paesi confinanti) hanno, in questi ultimi anni, avuto un impatto notevole e senza precedenti sulle strutture delle economie territoriali. Nelle economie aperte e avanzate si è assistito a rapidi e profondi cambiamenti nei settori economici e nei sistemi economici territoriali . Dunque i sistemi locali, allo stesso titolo delle imprese, devono adattarsi e addirittura avere un atteggiamento proattivo nei confronti dell’ambiente che si evolve. I sistemi locali, come le imprese, devono avere strategie proprie e devono essere costantemente monitorati. Ecco che per introdurre innovazioni su base territoriale diventano indispensabili ai politici, agli studiosi ed agli operatori economici, strumenti per descrivere, stimare, interpretare ed eventualmente prevedere i fattori che hanno influenzato l’andamento di fenomeni economici (occupazione, reddito, ecc…). Esistono molte tecniche per raggiungere lo scopo appena accennato fra cui la dynamic shift-share.
L’intento del nostro studio è di analizzare tramite la dynamic shift-share di Haynes and Dinc (1997) i cambiamenti nell’occupazione e nel valore aggiunto in Toscana tra 1996 e 2002. Le unità territoriali scelte nell’analisi sono i sistemi locali del lavoro (SLL). Questo perchè l’analisi di tipo ha ricevuto riconoscimenti come base per implementare le politiche di sviluppo sia a livello nazionale che a livello internazionale . La shift and share è una tecnica di scomposizione della variazione, in un determinato periodo, di un fenomeno in componente tendenziale, componente strutturale e componente residua. La dynamic shift and share, a differenza della shift and share statica, tiene conto degli effetti composti durante il periodo considerato, costituito da più intervalli di tempo.
Il metodo di Haynes and Dinc è stato scelto non solo perché è dinamico, cioè tiene conto dei cambiamenti infraperiodici; altresì perché, andando oltre il modello tradizionale che individua i contributi strutturali e locali, propone un modello per valutare gli impatti dell’output, della produttività del lavoro e della produttività dei fattori extra-lavoro (capitale, infrastrutture materie prime, tecnologie, ecc…).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il sistema produttivo italiano del secondo dopo guerra è stato dominato da costellazioni di piccole e medie imprese (P.M.I) che insieme alla grande impresa sono stati motori produttivi dell’economia italiana. Questo apparato produttivo, fino a fine ’90, è stato fondamentale per la competitività dell’Italia e dei suoi sistemi produttivi. Infatti, a tutti noi, sono noti i successi realizzati dai sistemi del tessile (come Prato), del cuoio e pelletteria, del turismo, del “made in italy ecc… L’apparato produttivo della manifattura italiana si caratterizza per la concentrazione di piccole e medie imprese che hanno le loro radici culturali nel luogo in cui sono insediate. La concentrazione in un luogo circoscritto di numerose piccole imprese tende a soddisfare le esigenze di specializzazione di filiera (riduzione dei costi di transazione ecc..), crea un ambiente in cui la competizione e la cooperazione sono intense. Lo sviluppo tecnologico (specie le tecnologie dell’’informazione), il processo di globalizzazione e regionalizzazione (cioè l’integrazione politica economica di paesi confinanti) hanno, in questi ultimi anni, avuto un impatto notevole e senza precedenti sulle strutture delle economie territoriali. Nelle economie aperte e avanzate si è assistito a rapidi e profondi cambiamenti nei settori economici e nei sistemi economici territoriali . Infatti l’affermarsi in settori a medio-alta tecnologia dei paesi di nuova industrializzazione come la Corea del Sud (elettrodomestici, automobili…); l’aggressività nei mercati mondiali dei paesi in via di sviluppo come la Cina e l’India(specie nei settori a media-bassa tecnologia, ad esempio, software e tessile); la maggiore integrazione europea (solo per citare alcuni momenti chiave del processo di integrazione, si pensa agli accordi di Schengen che liberano la circolazione di beni e persone, al patto di stabilità che limita le manovre budgetarie dei singoli stati, la moneta unica europea che limita le manovre monetarie e le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

haynes and dinc
lavoro
occupazione
shift and share
toscana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi