Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi Locali Del Lavoro della Toscana. Applicazione dell'analisi SHIFT and SHARE ai dati del valore aggiunto e dell'occupazione degli anni 1996-2002

Il sistema produttivo italiano del secondo dopo guerra è stato dominato da costellazioni di piccole e medie imprese (P.M.I) che insieme alla grande impresa sono stati motori produttivi dell’economia italiana. Questo apparato produttivo, fino a fine ’90, è stato fondamentale per la competitività dell’Italia e dei suoi sistemi produttivi. Infatti, a tutti noi, sono noti i successi realizzati dai sistemi del tessile (come Prato), del cuoio e pelletteria, del turismo, del “made in italy ecc… L’apparato produttivo della manifattura italiana si caratterizza per la concentrazione di piccole e medie imprese che hanno le loro radici culturali nel luogo in cui sono insediate. La concentrazione in un luogo circoscritto di numerose piccole imprese tende a soddisfare le esigenze di specializzazione di filiera (riduzione dei costi di transazione ecc..), crea un ambiente in cui la competizione e la cooperazione sono intense.
Lo sviluppo tecnologico (specie le tecnologie dell’’informazione), il processo di globalizzazione e regionalizzazione (cioè l’integrazione politica economica di paesi confinanti) hanno, in questi ultimi anni, avuto un impatto notevole e senza precedenti sulle strutture delle economie territoriali. Nelle economie aperte e avanzate si è assistito a rapidi e profondi cambiamenti nei settori economici e nei sistemi economici territoriali . Dunque i sistemi locali, allo stesso titolo delle imprese, devono adattarsi e addirittura avere un atteggiamento proattivo nei confronti dell’ambiente che si evolve. I sistemi locali, come le imprese, devono avere strategie proprie e devono essere costantemente monitorati. Ecco che per introdurre innovazioni su base territoriale diventano indispensabili ai politici, agli studiosi ed agli operatori economici, strumenti per descrivere, stimare, interpretare ed eventualmente prevedere i fattori che hanno influenzato l’andamento di fenomeni economici (occupazione, reddito, ecc…). Esistono molte tecniche per raggiungere lo scopo appena accennato fra cui la dynamic shift-share.
L’intento del nostro studio è di analizzare tramite la dynamic shift-share di Haynes and Dinc (1997) i cambiamenti nell’occupazione e nel valore aggiunto in Toscana tra 1996 e 2002. Le unità territoriali scelte nell’analisi sono i sistemi locali del lavoro (SLL). Questo perchè l’analisi di tipo ha ricevuto riconoscimenti come base per implementare le politiche di sviluppo sia a livello nazionale che a livello internazionale . La shift and share è una tecnica di scomposizione della variazione, in un determinato periodo, di un fenomeno in componente tendenziale, componente strutturale e componente residua. La dynamic shift and share, a differenza della shift and share statica, tiene conto degli effetti composti durante il periodo considerato, costituito da più intervalli di tempo.
Il metodo di Haynes and Dinc è stato scelto non solo perché è dinamico, cioè tiene conto dei cambiamenti infraperiodici; altresì perché, andando oltre il modello tradizionale che individua i contributi strutturali e locali, propone un modello per valutare gli impatti dell’output, della produttività del lavoro e della produttività dei fattori extra-lavoro (capitale, infrastrutture materie prime, tecnologie, ecc…).

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il sistema produttivo italiano del secondo dopo guerra è stato dominato da costellazioni di piccole e medie imprese (P.M.I) che insieme alla grande impresa sono stati motori produttivi dell’economia italiana. Questo apparato produttivo, fino a fine ’90, è stato fondamentale per la competitività dell’Italia e dei suoi sistemi produttivi. Infatti, a tutti noi, sono noti i successi realizzati dai sistemi del tessile (come Prato), del cuoio e pelletteria, del turismo, del “made in italy ecc… L’apparato produttivo della manifattura italiana si caratterizza per la concentrazione di piccole e medie imprese che hanno le loro radici culturali nel luogo in cui sono insediate. La concentrazione in un luogo circoscritto di numerose piccole imprese tende a soddisfare le esigenze di specializzazione di filiera (riduzione dei costi di transazione ecc..), crea un ambiente in cui la competizione e la cooperazione sono intense. Lo sviluppo tecnologico (specie le tecnologie dell’’informazione), il processo di globalizzazione e regionalizzazione (cioè l’integrazione politica economica di paesi confinanti) hanno, in questi ultimi anni, avuto un impatto notevole e senza precedenti sulle strutture delle economie territoriali. Nelle economie aperte e avanzate si è assistito a rapidi e profondi cambiamenti nei settori economici e nei sistemi economici territoriali . Infatti l’affermarsi in settori a medio-alta tecnologia dei paesi di nuova industrializzazione come la Corea del Sud (elettrodomestici, automobili…); l’aggressività nei mercati mondiali dei paesi in via di sviluppo come la Cina e l’India(specie nei settori a media-bassa tecnologia, ad esempio, software e tessile); la maggiore integrazione europea (solo per citare alcuni momenti chiave del processo di integrazione, si pensa agli accordi di Schengen che liberano la circolazione di beni e persone, al patto di stabilità che limita le manovre budgetarie dei singoli stati, la moneta unica europea che limita le manovre monetarie e le

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sylvain Chamberlain Taguedong Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 882 click dal 27/04/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.