Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traumnovelle di Arthur Schnitzler e Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick

Questa tesi tratta in maniera approfondita l'analisi della novella Traumnovelle di Arthur Schnitzler e il film da essa tratto Eyes Wide Shut girato da Stanley Kubrick

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Affermare che un film tratto da un romanzo rappresenta un’opera autonoma che va giudicata in quanto tale può oggi sembrare un luogo comune, ma l’emancipazione di quella che viene chiamata la settima arte è, in realtà, una lunga e lenta presa di coscienza delle capacità e potenzialità espressive del cinema, oltre che della sua autonomia. È, infatti, impossibile negare il gioco di interazioni che si stabilisce tra letteratura e cinema, il quale, soprattutto ai suoi esordi, ha dimostrato il proprio rapporto di dipendenza da strutture letterarie che lo hanno preceduto e la propria vocazione a raccontare delle storie. Quando si analizzano trasposizioni cinematografiche di opere letterarie spesso entrano in gioco dei pregiudizi che bisogna mettere in discussione, come il consueto luogo comune secondo cui il libro è superiore al film, che è ben riassunto dalla celebre storiella raccontata da Hitchcock nel libro intervista di Truffaut: Selznick aveva appena fatto Via col vento e, secondo la sua teoria, la gente diventa furiosa se si modifica il romanzo. […] Lei conosce sicuramente la storia delle due capre che stanno mangiando le bobine di un film tratto da un best-seller e una capra dice all’altra: “Personalmente preferisco il libro”. 1 Bisogna anche ricordare l’abitudine diffusa di giudicare il grado di artisticità, o l’esito più o meno riuscito di un adattamento, in base al grado di fedeltà al testo letterario di riferimento. Quello della fedeltà non è solo un pregiudizio che implicitamente contiene in sé il concetto di ‘originale’ rispetto a quello di ‘copia’, ma soprattutto considera il processo dell’adattamento da un punto di vista univoco. 1 François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Est, Milano 2000, p. 105.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Sara Rosati Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5473 click dal 02/05/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.