Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di lavoro nelle Poste Italiane SpA

La nuova società per azioni a prevalente capitale pubblico.
Anomalia giuridica o fase necessaria di un percorso?
Privatizzazione formale o strutturale?
Si analizza il mutamento della forma giuridica intercorsa nelle Poste Italiane ovvero il percorso storico giuridico avviato nel 1994 con la privatizzazione dell'azienda autonoma.
Particolare riguardo al raporto di lavoro dei dipendenti alla luce della privatizzazione.
Si studiano le conseguenze insite alla nuova forma giuridica adottata dall'azienda che interessa i principi posti alla base della disciplina del contratto collettivo di lavoro, dal 1994 affidato alla logica del diritto privato e delle leggi sul lavoro.
Ad integrare si svolge un'attenta analisi delle pronunce dei giudici di merito sui punti più discussi dei CCNL quali, ad esempio, il contratto a termine- il periodo di prova.
Particolare attenzione infine per la disciplina della responsabilità dei dipendenti di Poste Italiane SpA che, da un decennio, non rientrano più nella categoria dei pubblici dipendenti, continuando tuttavia a svolgere funzioni tipiche di un incaricato di pubblico servizio. Tale peculiarità ha fatto sì che venissero applicati istituti tipici del diritto pubblico. Ovvero, si è reso necessario bilanciare il diritto individuale del dipendente con i diritti di coloro ai quali sono diretti i pubblici servizi: i cittadini.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREMESSA La privatizzazione delle Poste è stata determinata, sostanzialmente, dalla crisi economica che, nell’ ultimo quarto di secolo, ha investito i sistemi capitalistici lasciando ristretti margini di manovra allo Stato. Ciò che spinse il nostro Governo a prendere tale decisione fu la perdita di profitti dell’ Amministrazione PT, azienda autonoma dello Stato, nonché la necessità di contenere il deficit pubblico che derivava da precisi obblighi dettati dall’ appartenenza del nostro Paese all’ Unione Europea. Il nuovo modello è stata la risposta a esigenze di efficientismo e di attenuazione dei costi che la società italiana è costretta a sopportare per la gestione dei servizi essenziali al proprio sviluppo. Il cammino verso la privatizzazione inizia nel 1993 con il decreto legge n. 487 che ha trasformato l’ Amministrazione PT in ente pubblico economico “Ente Poste Italiane”, e si completa nel 1998 con l’ ulteriore trasformazione di detto ente in società per azioni “Poste Italiane SpA”. Oggetto del presente lavoro è la nuova disciplina di lavoro alle dipendenze di Poste SpA. Una novità assoluta è appresentata da un CCNL che, attraverso opportune forme di armonizzazione, dispiega i suoi

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Samuele Restivo Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9541 click dal 28/04/2006.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.