Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia dei movimenti di liberazione giamaicani: il Garveismo e il Rastafarianesimo

Un viaggio storico attraverso la nascita dei movimenti di emancipazione dalla schiavitù. Attraverso l'analisi storico-sociale dell'attività di Marcus Garvey e gli elementi fondanti del Rastafarianesimo, il lavoro si propone di dimostrare come questi due movimenti hanno favorito la liberazione delle popolazioni afro-diasporiche della Giamaica dagli stereotipi coloniali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Preview: “I movimenti di liberazione in Giamaica: il Garveismo e il Rastafarianesimo” Non trascurando che la bellezza del sincretismo caraibico dipenda dall’unione di culture e tradizioni lontane, la tesi si propone di mettere in evidenza la volontà della parte africana di prevalere su quella europea e di “irrompere” nella realtà. Tema centrale del lavoro è, quindi, l’incontro/scontro tra due realtà opposte. I “conquistatori” bianchi ed europei, da una parte, e gli schiavi “negri” e africani, dall’altra. Il Garveismo e il Rastafarianesimo sono i due movimenti che hanno combattuto e contribuito alla liberazione “dell’Africa” dal sistema di stereotipi che, creati dagli europei nel sedicesimo secolo per sostenere il colonialismo, sono stati assimilati dalle popolazioni afro-diasporiche instillando quel “complesso di inferiorità” che è il peggior danno che la schiavitù e il colonialismo hanno provocato. Il lavoro si sviluppa in tre capitoli: partendo da un’analisi della diaspora africana e dei danni materiali e psicologici che ha provocato, il primo capitolo spiega

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elisabetta Caruso Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2971 click dal 05/05/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.