Skip to content

Europa Cristiana e Rivoluzione Francese - Un punto di svolta in un percorso millenario

Informazioni tesi

  Autore: Luca Barile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Rosita Orlandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

Il presente lavoro muove dallo studio di quei fenomeni epocali che hanno profondamente segnato la storia più recente del Vecchio Continente come il Liberalismo, il Comunismo e tutti gli altri numerosi “ismi” politici conosciuti. Questi sistemi ideologici, benché abbiano fatto la loro comparsa a diverse latitudini del globo, in Europa hanno assunto, infatti, una rilevanza eccezionale. Appaiono tutti analizzabili in rapporto ad un comune denominatore, rappresentato dalla Rivoluzione francese, nei confronti della quale si relazionano, non soltanto da un punto di vista puramente cronologico, ma anche e soprattutto ideologico, politico.
L’Ottantanove francese, cioè, si rapporta a tutte queste realtà non come una delle categorie dell’insieme (peraltro sarebbe difficile ricondurre un movimento tanto complesso ad un “ismo” particolare) ma detiene rispetto ad esso una posizione fondamentale, in considerazione del ruolo chiave che ha giocato nei confronti di tutta la storia moderna e contemporanea.
Gli avvenimenti della Francia di fine XVIII secolo, infatti, costituiscono il primo momento di svolta rispetto ad un percorso millenario, iniziato con la grande evangelizzazione del Continente.
Nel sinuoso districarsi delle vicende umane occidentali la “Grande rivoluzione” rappresenta uno snodo fondamentale per la comprensione delle contrapposizioni che l’Europa moderna presenta rispetto al Regime antico, ed ancor più rispetto al Medioevo, quanto ai significati politici e ideali, nell’ottica del rapporto tra società e religione e tra politica e religione.
La tesi proposta è quella di una rilettura del fenomeno rivoluzionario in chiave “alternativa”, il che non coincide con un tentativo di revisionismo storico. Il fine è quello di analizzare il significato dell’evento rivoluzionario relativamente alla dimensione religiosa della società e dello stato in Francia, prima e dopo l’Ottantanove; inoltre si fanno delle valutazioni circa l’influenza che tali avvenimenti hanno esercitato sugli altri paesi europei.
Queste comparazioni, comunque, attengono esclusivamente a principi e concetti d’ordine ideale (o sarebbe meglio dire ideologico) come, per esempio, la separazione dei poteri o la laicità dello stato moderno.
E’ bene specificare che la dimensione religiosa di cui si è detto più sopra non coincide con quella della Chiesa: non si è inteso, cioè, fare una storia dell’istituzione ecclesiale nel periodo rivoluzionario, né approfondire specificamente l’evoluzione dei rapporti tra Stato e Chiesa.
Quest’ultimo aspetto è, tra gli altri, senz’altro preso in considerazione ma il filo conduttore di tutta l’analisi ha una portata più generale e mira ad approfondire il ruolo giocato dalla Rivoluzione francese nel rapporto che lega l’Europa al Cristianesimo.
L’Ottantanove francese è stato, infatti, il momento della prima radicale rivoluzione politica dell’Europa ed il suo valore, anche in relazione ai fenomeni rivoluzionari successivi, consiste proprio nel complesso rivolgimento che essa introdusse non soltanto nel modo di pensare la politica, ma anche di organizzarla e, quindi, di esplicitarla.
La portata “rigeneratrice” della Rivoluzione francese, inoltre, non si limita ai confini europei e quest’ulteriore aspetto le conferisce una rilevanza straordinaria nell’ambito della storia degli stati, del pensiero politico e delle società più in generale.
In tale prospettiva il sistema al quale la Rivoluzione francese mosse guerra aperta è rappresentato dalla società d’Ancien régime, retaggio, pur con le evidenti differenze, di quella medievale, dal carattere gerarchico e sacrale. Rispetto ai lunghi secoli precedenti il Sistema Antico (così identificato dai protagonisti della Rivoluzione) ne conservava, formalmente e praticamente, determinati caratteri nei confronti dei quali la costruzione rivoluzionaria si pone in antitesi.
Considerando che la Francia medievale, così come generalmente tutto il Continente, presentava una società a fondamento religioso, il filo conduttore è stato quello di indagare come l’Ottantanove abbia ristrutturato la società e lo stato dal punto di vista del rapporto con la religione cristiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 I N T R O D U Z I O N E Il presente lavoro germoglia e si compie, evidentemente, nell’ambito acca- demico, ma è profondamente motivato da un vivo interesse personale per lo stu- dio di quei fenomeni epocali che hanno profondamente segnato la storia più re- cente del Vecchio Continente, come il Liberalismo, il Bonapartismo, il Comuni- smo e gli altri numerosi “ismi” politici conosciuti. Questi sistemi ideologici hanno fatto la loro comparsa a diverse latitudini del globo ma in Europa hanno assunto una rilevanza eccezionale. Costituiscono, infatti, delle categorie d’analisi di straordinario interesse sia per quanto attiene all’analisi storica sic et sempliciter, sia per numerosi altri svi- luppi interpretativi. Ciò vale se li si considera singolarmente ma ancor più se so- no contestualizzati in una visione d’insieme che ne consideri la diversità e perfi- no la virulenza con la quale alcuni di loro si sono contrapposti (pensiamo a come la guerra fredda abbia tenuto il mondo intero con il fiato sospeso alla mercè di un paventato conflitto nucleare, o alla ferocia dello scontro tra il Comunismo sovie- tico ed il Nazionalsocialismo di Hitler). Queste complesse realtà, nonostante la suddetta eterogeneità, appaiono tutte verosimilmente analizzabili in rapporto ad un comune denominatore rappresenta-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ancien regime
costituzione
cristianesimo
cristianità
europa
francia
illuminismo
laicismo
luigi xvi
massoneria
medioevo
religione cristiana
rivoluzione francese
robespierre
stato laico
stato moderno
terrore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi