Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Protocollo CANOpen come standard nella diagnostica dei veicoli

Rete CAN e protocollo CANopen:
- nati per il settore automobilistico
- affermati anche in altri ambiti
Consorzi di sviluppo e diffusione, mediante politica di standardizzazione, hanno determinato il successo.
REQUISITI stringenti per:
- cablaggio
- tempi di risposta
- immunità ai disturbi
- continuità di funzionamento
SOLUZIONE: bus di campo
- condivisione di collegamenti
- condivisione di comunicazione
- efficienza (priorità, velocità dei messaggi)
- flessibilità, affidabilità e manutenzione
CANopen consente:
- comunicazione point-to-point o broadcast
- priorità dei messaggi e contesa del bus
- rilevamento degli errori
- sincronizzazione
- descrizione dei moduli con EDS.
FRAME o MESSAGGI
- remote frame
- data frame
- error frame
- interspace frame
- overload frame
Gli errori sono segnalati e non corretti. Un dispositivo CANopen gestisce il proprio funzionamento.
La DIAGNOSTICA nei veicoli consente il controllo della rete CANopen e delle informazioni.
Diagnostica a tre livelli:
- consistenza della rete fisica
- consistenza del protocollo
(verifica della sussistenza della comunicazione)
- analisi dei dati nella rete
(immissione, acquisizione, studio)
La diagnostica in PROGETTO
Un CAN Analyser può
- creare e definire un dispositivo CANopen virtuale
- analizzare il comportamento
- adattare il dispositivo con modifica di parametri
- sollecitare la rete e studiarne le reazioni
I profili standardizzati consentono
- uso di dispositivi disponibili
- creazione di nuovi dispositivi da modelli esistenti
La diagnostica in VEICOLI CIRCOLANTI:
- rilevamento di parametri “pubblici”
(standard l’interfaccia e il formato dei valori)
- rilevamento e riparazione di guasti
(conformità e profili standardizzati permettono
l’interscambiabilità di parti di produttori differenti)
Conclusioni
Validità della soluzione:
- quantità di nodi operativi (oltre 100 milioni)
- entità di investimenti attuali (20-25%)
- previsioni di investimenti futuri (35-40%)
- peso dell’innovazione (il 90% riguarda l’elettronica)

Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - INTRODUZIONE Ormai moltissimi ambienti fanno uso di reti locali con estensioni che da pochi centimetri possono arrivare a qualche chilometro. Esse sono utilizzate fondamentalmente per condividere delle risorse e per lo scambio delle informazioni. Affinché la comunicazione sia possibile, si devono considerare una serie di elementi tali da garantire il collegamento tra i dispositivi, l’integrità delle informazioni, la velocità della comunicazione. I fattori importanti da considerare sono: • la compatibilità: la rete deve supportare di dispositivi differenti, chiamati nodi, ed eventualmente deve avere la possibilità a collegarsi ad altre reti; • l’espandibilità, cioè la possibilità di ampliamento del sistema in maniera relativamente semplice e con costo contenuto; • le prestazioni, intese come velocità di trasmissione, numero di utenze, distanze di comunicazione supportate; • affidabilità, considerata come corretto funzionamento del sistema nel suo complesso e capacità nella rete stessa di confinare i guasti sul componente per non collassare il resto del sistema. Nel processo di comunicazione ci sono due aspetti di fondamentale importanza: la corretta e tempestiva trasmissione e ricezione dell’informazione e la riconoscibilità sotto il profilo di sintattico e semantico. Con analogia al dialogo umano, i due aspetti si riferiscono alla trasmissione e ricezione del suono e successivamente alla sua interpretazione come linguaggio. Per risolvere questi due problemi di comunicazione sono nate le architetture a strati. Un’architettura a strati è un’astrazione logica un costrutto di riferimento. In ogni strato sono considerati due concetti fondamentali: il servizio, cioè che cosa fa il livello, e il protocollo, cioè come è reso il servizio. Una comunicazione di tipo broadcast è strutturata in maniera tale che un dispositivo funzioni da emittente della comunicazione e gli altri siano destinatari senza privilegio di alcuni sugli altri. CANopen (Controller Area Network) è un protocollo di comunicazione seriale di tipo “broadcast” che permette il controllo real-time distribuito con un livello di sicurezza molto elevato. E’ stato introdotto dalla Bosch nei primi anni ‘80 per applicazioni automotive, per consentire la comunicazione fra i dispositivi elettronici montati su autoveicoli, ma si è diffuso ormai in molti settori dell’industria, compresa quella elettromedicale ed assistiva.

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Daniele Bortolato Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4191 click dal 10/05/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.