Skip to content

Analisi sismica comparativa di un viadotto dotato di appoggi convenzionali ed apparecchi di isolamento

Informazioni tesi

  Autore: Luca Crespo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Giovanni Solari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

Il lavoro tratta le tecniche di progettazione sismica per le strutture da ponte, confrontando le prescrizioni del Decreto Ministeriale 1996 e dell'Ordinanza 3274, recepita dalle Norme Tecniche di recente pubblicazione. Vengono poi proposti dei criteri per guidare la progettazione di un sistema di isolamento da porre in opera per questa particolare tipologia di strutture. Successivamente le suddette tecniche vengono applicate ad un caso reale, il viadotto Navale Nord (Variante di Valico A1 zona Barberino di Mugello), studiandolo sia nel caso esso dia provvisto di appoggi convenzionali, sia dotandolo di apparecchi di appoggio (appoggi tipo HDRB e dispositivi isteretici in acciaio). Vengono infini confrontati i risultati ottenuti dalla analisi svolte, con particolare attenzione sui momenti flettenti e gli spostamenti misurati nelle pile del viadotto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria - DISEG “Analisi sismica comparativa di un viadotto dotato di appoggi convenzionali ed apparecchi di isolamento” CAPITOLO 1 Introduzione L’analisi della risposta strutturale ai terremoti rappresenta un tema di grande interesse, non solo per affrontare l’evenienza di eventi sismici in zone edificate, ma anche per la pianificazione dell’inserimento nel territorio di opere strategicamente rilevanti. A partire dagli anni Settanta si sono affermati criteri innovativi per la progettazione sismica basati sui concetti della duttilità e della dissipazione energetica. Tali strumenti permettono un approccio progettuale più avanzato dal momento che la risposta della struttura alle azioni sismiche di progetto non è più basata sulla sola resistenza, ma anche sulle sue capacità deformative. L’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n°3274/2003 e le sue successive modifiche, contenute all’interno delle “Norme Tecniche per le Costruzioni” emanate nell’ottobre 2005, hanno recepito tali concetti segnando una forte innovazione rispetto alle norme precedenti vigenti in territorio nazionale. Il metodo di verifica basato sulle tensioni ammissibili è stato definitivamente sostituito dal più recente metodo agli stati limite, maggiormente uniformato al corpo normativo degli Eurocodici. È stata introdotta una nuova classificazione del territorio nazionale, secondo la quale l’intero Paese risulta soggetto ad un rischio sismico più o meno elevato. Oltre ad assumere un carattere normativo prestazionale in luogo delle tradizionali norme prescrittive, l’Ordinanza introduce ed incoraggia l’utilizzo di apparecchi di isolamento, colmando un vuoto legislativo che ne ostacolava un efficace impiego nel nostro Paese. Alcune aziende italiane risultano infatti tra le maggiori produttrici di dispositivi antisismici al mondo, ma il precedente Decreto Ministeriale non forniva sufficienti linee guida utili per il calcolo e la verifica di strutture isolate. Attualmente il progettista si trova in un periodo transitorio di 18 mesi in cui risultano applicabili sia l’ancora vigente normativa sismica del 1996, sia le più recenti “Norme Tecniche” che entreranno in vigore nell’aprile 2007. Queste ultime prevedono per le opere strategiche esistenti sul territorio una verifica Capitolo 1 – Introduzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

3274
apparecchi
civile
duttilità
gerarchia
ingegneria
isolamento
ordinanza
ponte
ponti
resistenze
sismica
strutture
testo
unico
viadotti
viadotto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi