Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vladimiro Miletti (1913-1998). Un'esperienza letteraria a Trieste tra Futurismo e Avanguardia

Oggetto della presente ricerca è lo studio dell’attività letteraria e poetica dello scrittore triestino Vladimiro Miletti, la cui esperienza artistica si svolge per circa un decennio - a partire dal 1933, data ufficiale del “debutto” di Miletti – nell’alveo del Futurismo. Il presente studio è, fondamentalmente, una proposta di ricostruzione storico-letteraria di una figura artistica parzialmente sconosciuta; a tale fine, ci si è valsi prevalentemente del materiale documentario - per larga parte inedito - conservato nel Fondo Miletti, di proprietà dell’Archivio e Centro di Documentazione della Cultura Regionale 1.
Con questa Premessa s’intende informare sui criteri seguiti nell’allestimento del presente lavoro e illustrare (seppure sinteticamente, come si conviene a uno scritto introduttivo), il percorso teorico quivi seguito. I criteri di base, come sopra accennato, sono rigorosamente storico-documentari; quanto all’organizzazione globale del lavoro, si è scelto un sistema di suddivisione del materiale che tiene conto delle diverse esigenze poste dall’argomento trattato. Miletti, come si è accennato sopra, è uno scrittore futurista dell’ultima generazione (quella, cioè, vissuta durante gli anni Trenta). All’epoca in cui Miletti esordisce come scrittore, il futurismo è un movimento che, avendo ormai alle spalle circa un ventennio di sperimentazioni artistiche, è, nel frattempo, andato incontro a trasformazioni piuttosto consistenti; si è ritenuto, di conseguenza, necessario introdurre l’oggetto della presente trattazione (lo studio monografico di Vladimiro Miletti, per l’appunto), con due capitoli di carattere storico: il primo affronta l’argomento dei cosiddetti “anni eroici”, dalla fondazione del movimento futurista alle evoluzioni successive; il secondo capitolo tratta in modo più specifico del cosiddetto “avanguardismo giuliano” che, per certi versi, prepara la successiva ondata del futurismo in territorio giuliano. A proposito del primo capitolo, va puntualizzato che, per motivi di coerenza interna, si è generalmente preferito puntare su quegli aspetti che, direttamente o indirettamente, vedono il coinvolgimento della città di Trieste e della realtà giuliana.
I capitoli successivi sono incentrati sulla figura umana e artistica di Miletti, la cui ricostruzione – lo diciamo con umiltà, ma anche con consapevolezza – presenta, innanzitutto, un aspetto inedito di vita culturale triestina, e, in secondo luogo, apre la possibilità di ulteriori approfondimenti nello studio del futurismo (soprattutto del futurismo “ultima maniera”, tuttora poco esplorato).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Oggetto della presente ricerca è lo studio dell’attività letteraria e poetica dello scrittore triestino Vladimiro Miletti, la cui esperienza artistica si svolge per circa un decennio - a partire dal 1933, data ufficiale del “debutto” di Miletti – nell’alveo del Futurismo. Il presente studio è, fondamentalmente, una proposta di ricostruzione storico-letteraria di una figura artistica parzialmente sconosciuta; a tale fine, ci si è valsi prevalentemente del materiale documentario - per larga parte inedito - conservato nel Fondo Miletti, di proprietà dell’Archivio e Centro di Documentazione della Cultura Regionale 1 . Con questa Premessa s’intende informare sui criteri seguiti nell’allestimento del presente lavoro e illustrare (seppure sinteticamente, come si conviene a uno scritto introduttivo), il percorso teorico quivi seguito. I criteri di base, come sopra accennato, sono rigorosamente storico-documentari; quanto all’organizzazione globale del lavoro, si è scelto un sistema di suddivisione del materiale che tiene conto delle diverse esigenze poste dall’argomento trattato. Miletti, come si è accennato sopra, è uno scrittore futurista dell’ultima generazione (quella, cioè, vissuta durante gli anni Trenta). All’epoca in cui Miletti esordisce come scrittore, il futurismo è un movimento che, avendo ormai alle spalle circa un ventennio di sperimentazioni artistiche, è, nel frattempo, andato incontro a trasformazioni piuttosto consistenti; si è ritenuto, di conseguenza, necessario introdurre l’oggetto della presente trattazione (lo studio monografico di Vladimiro Miletti, per l’appunto), con due capitoli di carattere storico: il primo affronta l’argomento dei cosiddetti “anni eroici”, dalla fondazione del movimento 1 l’Archivio è locato presso il Dipartimento di Italianistica Linguistica Comunicazione Spettacolo dell’Università di Trieste.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Linda Liguori Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2675 click dal 18/05/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.