Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riforme politiche, gas naturale e sicurezza: il caso del Qatar

Partendo da una panoramica storica del Golfo Persico e del paese, la tesi analizza lo sviluppo economico del Qatar grazie allo sfruttamento del gas naturale, classificandolo tra i massimi produttori di LNG. Lo studio inoltre offre un'inquadratura storica del paese e del Golfo Persico, sottolineando il ruolo geostrategico del Qatar nelle questioni regionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Per avere un’idea del Katar, i miei lettori dovrebbero immaginarsi miglia e miglia di basse colline aride, desolate e bruciate dal sole, con difficilmente un albero solitario per variare il loro monotono contorno; sotto di esse una spiaggia fangosa si estende per un quarto di miglio verso il mare in melmose sabbie mobili, contornate da fanghiglia ed alghe marine. Se invece guardassimo verso l’interno, oltre le colline, vedremmo ciò che potrebbe essere chiamato con estrema cortesia una terra di pascolo, collinette desolate con venti ciottoli per filo di erba; e sopra questo paesaggio malinconico, in lontananza, piccoli grappoli di sgraziate capanne fatte di terra e foglie di palme: brutte e anguste. Queste sono le case del Katar [..]”. Da quando lo storico britannico Palgrave fece questa descrizione nel 1865 il Qatar ha subito profondi cambiamenti. A quei tempi nessuno avrebbe immaginato che il Qatar di oggi diventasse uno dei i paesi più avanzati, più ricchi e più influenti del Golfo Persico. Per tutta la prima metà del diciannovesimo secolo, il Qatar era un territorio scarsamente abitato composto da poche tribù nomadi giunte dal Kuwait nel 1766. Alcune di queste, tra cui la famiglia Al Khalifah (attuale regnante del Bahrain), si stanziarono nell’isola bahraina mantenendo un forte controllo sul Qatar. Al giungere dell’impero britannico nel Golfo, il Qatar venne riconosciuto formalmente da Londra come protettorato del Bahrain. Fu solo nel 1868, dopo una crisi tra tribù qatarine e bahraine che la Gran Bretagna ufficializzò con un trattato la secessione del Qatar dal Bahrain. In quell’occasione il capo della tribù Al Thani venne scelto dall’ufficiale britannico come sovrano del Qatar e come rappresentante del paese nelle relazioni internazionali. Il vero riconoscimento come entità statale avvenne pochi decenni dopo con il Trattato del 1916 all’interno del quale il governo britannico sanciva la sovranità della famiglia Al- Thani. Nonostante questi riconoscimenti, il Qatar rimaneva strettamente legato all’influenza britannica, in quanto secondo il Trattato del 1916 ogni decisione politica doveva essere vagliata ed approvata dal rappresentante inglese (Political Resident) di stanza a Doha.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Internazionali e Diplomatiche

Autore: Andrea Qualiano Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1488 click dal 16/05/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.