Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Transizione Economica in Polonia e Russia: un confronto.

1989: crolla il muro di Berlino. Con esso, un intero sistema sociale viene spazzato via dalla scena europea. Le conseguenze non si limitano al livello sociale: crolla anche il sistema economico a pianificazione centralizzata, che lascia spazio all'economia di mercato. I paesi aderenti al "Patto di Varsavia", Russia inclusa, si trovano dinanzi alla problematica del convertire l'intero apparato economico, profondamente burocratizzato, in uno snello modello di economia occidentale: si avvia, cioè, la transizione.
Benché ogni paese parta da una situazione differente, tutti devono affrontare gli stessi problemi: iperinflazione, disoccupazione, calo della produttività, impoverimento della popolazione. L’obiettivo è,come visto, comune a tutti i paesi, ma la strategia utilizzata per arrivarvi è sempre diversa; alcuni puntano su riforme radicali ed estese, altri cercano di proteggere i settori nevralgici delle proprie economie, altri ancora si affidano completamente alla ”mano invisibile” del mercato per placare le crescenti difficoltà.
A distanza di diciassette anni, è ora possibile riconoscere “vincitori” e “vinti” di questa sfida: coloro che hanno raggiunto l’ambito traguardo dell’ingresso nell’Unione Europea, e quelli che ancora raccolgono i cocci dopo la tempesta che li ha travolti. Nel primo gruppo possiamo senza dubbi inserire la Polonia: la “tigre della transizione”, il paese che è riuscito a raggiungere, a metà degli anni ‘90, tassi di crescita pari a quelli delle rampanti economie asiatiche. Nell’altro, la Russia, depredata dagli oligarchi, affamata da politiche scellerate suggerite (o imposte) dai “giovanotti di Harvard”, in continuo deficit democratico, e dall’economia petrolio-dipendente.
Perché, quindi, questa enorme differenza di risultati? Quali le ragioni che hanno spinto la Russia sull’orlo del baratro nel 1998, mentre la Polonia viveva il suo periodo di crescita migliore? Quali le politiche realizzate dai due paesi?
Per cercare di dare una risposta, analizzeremo innanzitutto il quadro storico ed economico delle due economie, le politiche intraprese dai governi di quei paesi per operare la transizione, gli errori, ed i risultati a cui sono giunti; compareremo i due percorsi alla luce di alcune teorie economiche sui fenomeni correlati alla transizione, tracciando infine le conclusioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione 1989: crolla il muro di Berlino. Con esso, un intero sistema sociale viene spazzato via dalla scena europea. Le conseguenze non si limitano al livello sociale: crolla anche il sistema economico a pianificazione centralizzata, che lascia spazio all'economia di mercato. I paesi aderenti al "Patto di Varsavia", Russia inclusa, si trovano dinanzi alla problematica del convertire l'intero apparato economico, profondamente burocratizzato, in uno snello modello di economia occidentale: si avvia, cioè, la transizione. Benché ogni paese parta da una situazione differente, tutti devono affrontare gli stessi problemi: iperinflazione, disoccupazione, calo della produttività, impoverimento della popolazione. L’obiettivo è, come visto, comune a tutti i paesi, ma la strategia utilizzata per arrivarvi è sempre diversa; alcuni puntano su riforme radicali ed estese, altri cercano di proteggere i settori nevralgici delle proprie economie, altri ancora si affidano completamente alla ”mano invisibile” del mercato per placare le crescenti difficoltà. A distanza di diciassette anni, è ora possibile riconoscere “vincitori” e “vinti” di questa sfida: coloro che hanno raggiunto l’ambito traguardo dell’ingresso nell’Unione Europea, e quelli che ancora raccolgono i cocci dopo la tempesta che li ha travolti. Nel primo gruppo possiamo senza dubbi inserire la Polonia: la “tigre della transizione”, il paese che è riuscito a raggiungere, a metà degli anni ‘90, tassi di crescita pari a quelli delle rampanti economie asiatiche. Nell’altro, la Russia, depredata dagli oligarchi, affamata da politiche scellerate suggerite (o imposte) dai “giovanotti di Harvard”, in continuo deficit democratico, e dall’economia petrolio- dipendente. Perché, quindi, questa enorme differenza di risultati? Quali le ragioni che hanno spinto la Russia sull’orlo del baratro nel 1998, mentre la Polonia viveva il suo periodo di crescita migliore? Quali le politiche realizzate dai due paesi? Per cercare di dare una risposta, analizzeremo innanzitutto il quadro storico ed economico delle due economie, le politiche intraprese dai governi di quei paesi per operare la transizione, gli errori, ed i risultati a cui sono giunti; compareremo i due percorsi alla luce di alcune teorie economiche sui fenomeni correlati alla transizione, tracciando infine le conclusioni.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Dessì Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2617 click dal 16/05/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.